Fascia Protetta?

Ricordate quando si decise d’instaurare la fascia protetta nei palinsesti televisivi?Grossomodo la regola era quella d’impedire la trasmissione in tivù d’immagini violente, messaggi equivoci, pubblicità aggressive e qualunque altro contenuto potenzialmente dannoso per i bambini nelle fasce orarie a loro normalmente dedicate. Si era deciso, inoltre, di chiudere con tutti gli spot che prevedessero dei bambini come attori protagonisti e di limitare il peso orario delle pubblicità rivolte ai minori nelle suddette fasce protette.Ebbene, come penso avrete notato, sono passati alcuni anni ma di questi provvedimenti non vi è traccia al di la’ di qualche bollino verde, giallo o rosso posto in sovrapposizione delle immagini all’inizio dei film serali. Senza entrare nel merito della qualità dei programmi (in particolare i cartoni) dedicati ai bambini; su cui non entro in merito, è innegabile che a ridosso, o addirittura all’interno degli orari a loro dedicati vi sia un proliferare di tivù del dolore e quant’altro. La pubblicità ricca di bambole e merendine trasborda minuti da tutte le parti e, ciliegina sulla torta, di bambini-attori ne girano a vagonate. Tra l’altro vorrei porre l’accento su una mossa molto “all’italiana” riguardo a quest’ultimo punto. I pubblicitari hanno trovato subito la mossa giusta per aggirare la normativa che impedirebbe l’utilizzo dei bambini nelle pubblicità: è sufficiente che lo spot venga girato all’estero (vale anche San Marino!) ed il problema è risolto.E’ sconfortante vedere come ogni tentativo di creare un minimo di regole, di ordine, in questo paese debba sempre scontrarsi con il giochetto della mossa e contromossa. All’estero, in particolare nei paesi del nord europa, queste regole vengono applicate regolarmente senza alcun problema. Addirittura in Svezia, se ben ricordo, non esiste pubblicità per bambini; niente ovetti, merendine videogiochi e bambolotti. Forse così è anche troppo, ma rende l’idea di come sia possibile applicare un principio senza avventurarsi nel mondo dell’alchimia mediatica.

(Immagine da: calorielab.com)
Proposi questo post come domanda, senza molto successo ed anche con qualche polemica…mah…
Questo articolo è tratto dalla prima versione del blog chiuso nei primi mesi del 2006

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi