Articolo 2278 del Catechismo

Il 18 dicembre mi ero in qualche modo impegnato a chiudere ogni discorso sulla vicenda di Eluana Englaro. Ritorno brevemente sul tema solo perchè di recente ho avuto modo di leggere (su segnalazione) l’articolo 2278 del Catechismo. Per settimane schiere di sostenitori della vita hanno inveito contro il padre della ragazza, i medici e la clinica che la ospitava sostenendo le loro ragioni a volte anche in modo pesante. Mi piacerebbe che qualcuno di loro mi spiegasse come devo interpretare queste parole del Catechismo riportate qui sotto. La mia non vuole essere una provocazione fine a se stessa, vorrei solo capire…poi ognuno resterà coerentemente della propria idea.

“L’interruzione di procedure mediche onerose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati attesi può essere legittima. In tal caso si ha la rinuncia all’accanimento terapeutico. Non si vuole così procurare la morte: si accetta di non poterla impedire. Le decisioni devono essere prese dal paziente, se ne ha la competenza e la capacità, o, altrimenti, da coloro che ne hanno legalmente il diritto, rispettando sempre la ragionevole volontà e gli interessi legittimi del paziente

Per chi volesse approfondire il tema vi propongo il link alla pagina specifica ed all’indice del Catechismo.

5 pensieri riguardo “Articolo 2278 del Catechismo

  • 23 Febbraio 2009 in 21:28
    Permalink

    l’ho letto anch’io sull’unità di oggi, vero? guarda, da anticlericale ti dico: qualcuno ricordi a kaiser joseph le (credo ultime) parole del suo predecessore sul letto di morte… “lasciatemi andare…”

    Rispondi
  • 23 Febbraio 2009 in 22:50
    Permalink

    Scommettiamo che non troverai nessuno disposto a darti soddisfazione?

    Rispondi
  • 24 Febbraio 2009 in 13:18
    Permalink

    @ em: le mie “fonti” risalgono al 12 febbraio (non sono pochi quelli che hanno letto con interesse l’art 2278).
    @ novalis: vero 😉
    @ leonardo: come ho detto non voglio essere polemico….aspetto e spero.

    Rispondi
  • 24 Febbraio 2009 in 17:08
    Permalink

    Non ho capito che tipo di soddisfazione dovrebbero dargli…cmq, la prima cosa che viene da pensare è che questi che si dichiarano cattolici per la vita non conoscono nemmeno il loro stesso catechismo, andiamo bene! Un motivo in più per reclamare il proprio diritto al laicismo e mandarli tutti a c…..

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi