Attenti al carrello!

Stai facendo la coda alle casse del supermercato quando tutto d’un tratto la musica di sottofondo s’interrompe e parte una voce che dice: -” Il proprietario dell’auto targata ****** è pregato di presentarsi urgentemente al box- informazioni.”- Tu non ci fai molto caso, stai pensando agli affari tuoi o stai parlando con qualcuno, al limite pensi “ecco il solito che ha parcheggiato male e la sua auto non permette ad un’altra di uscire”. Poi la voce di miss-box-informazioni ripete l’annuncio, questa volta dice anche il modello della macchina. -”Ma guarda!”- pensi -”una macchina come la mia….la mia?…Mah…è la mia!!!”- Dribbli gli altri clienti del supermercato e raggiungi il box-informazione dove ti dicono (ma ormai posso scrivere “mi” dicono): -”Sono andati addosso alla tua auto. Ti stanno aspettando nel parcheggio”- . La signorina del box è “sintetica e asettica” come sempre ma il suo messaggio è chiaro. Esco e raggiungo il parcheggio dove trovo una coppia ferma dietro alla mia auto (la donna sta scattando delle delle foto), poco lontano c’è un un furgone di una ditta di latte/formaggi con accanto una ragazza a braccia conserte che osserva. La coppia s’accorge di me e si avvicina. L’uomo mi dice -”sprechen sie deutsch?” – Andiamo bene! Sono tedeschi, e chi li capisce adesso questi? -”do you speak english?”- Chiede l’uomo che sicuramente ha notata la mia espressione vuota. Già meglio…possiamo tentare di comunicare. L’uomo mi spiega che mentre stavano caricando la spesa nella loro auto il carrello (a causa della lieve pendenza del parcheggio) si è allontano, ha preso velocità ed è finito contro la mia auto. Guardo l’auto e sotto la targa posteriore vedo il segno dell’impatto. Possibile che un carrello possa fare un danno simile? Sembra abbiano affondato una spada nella carrozzeria. Iniziamo a scambiarci i dati di rito; Franz (questo è il nome dell’uomo), mi propone di chiudere la questione senza coinvolgere la sua assicurazione nel caso il danno non risultasse troppo oneroso. Per la cronaca al momento del pagamento a mezzo bonifico il Sig. Franz mi ha scritto una email dove affermava che, dopo aver chiesto informazioni alla sua assicurazione, quest’ultima aveva escluso la possibilità di un loro risarcimento perché il danno non aveva coinvolto la vettura assicurata presso di loro e quindi Franz e consorte dovevano arrangiarsi.

Comunque alla fine tutto si è risolto per il meglio. Il Sig. Franz se l’è cavata con una cifra accettabile ed io mi sono trovato con l’auto rimessa a nuovo visto che il carrozziere ha colto l’occasione per far sparire anche qualche graffio dall’auto.

E la ragazza accanto al furgone cosa c’entra? Beh… è lei la vera eroina di questa storia. Lei è quella che ha visto l’incidente ed ha avvertito la direzione del supermercato. Lei è quella che ha “placcato” Franz e lo ha trattenuto fino al mio arrivo perché….in un parcheggio semi deserto , il senso civico di questa coppia tedesca sarebbe stato altrettanto vivo se nessuno avesse visto il loro carrello colpire l’auto? Mistero…..

19 thoughts on “Attenti al carrello!

  • 26 Settembre 2009 in 19:46
    Permalink

    Secondo me no! Dunque una mancia alla ragazza????Almeno un invito a cena…un w-e in una SPA ? Una settimana a Corvare? Un mese nello Yucatan?

    Rispondi
  • 26 Settembre 2009 in 20:54
    Permalink

    Ti posso dire la mia esperienza:
    anni fa in montagna sono arrivato presto e ho lasciato la macchina parcheggiata in luogo deserto; sono andato a fare la scalata che avevo programmato e sono ritornato verso le 6 di sera. Appena arrivato ho trovato un signore tedesco che mi aspettava dalle 11 di mattina perché mi aveva fatto una piccola botta alla macchina… stessa cosa tua: rimborso immediato (a forfait, ma praticamente la cifra che ho poi pagato) e amici come prima. Altissimo senso civico questa volta!

    Rispondi
  • 26 Settembre 2009 in 20:55
    Permalink

    Lo credo bene che l’assicurazione non voleva pagare. Se Franz avesse dato una martellata alla tua auto rispondeva la sua assicurazione? Non credo 🙄
    Brava la ragazza! Vero senso civico.

    Rispondi
  • 26 Settembre 2009 in 21:28
    Permalink

    Brava ragazza.
    Ma prova a pensare, sono lì che faccio i cavoli miei e vedo due tizi che mollano il carrello e sfondano l’auto di un povero cristo (eheheh)… è il minimo che posso fare 😉

    Complimenti per il tuo buon carattere, non sento nel tuo racconto, l’esplosione d’ira che avrei avuto io!
    🙂

    Rispondi
  • 27 Settembre 2009 in 10:30
    Permalink

    Sarà che nutro una sconfinata ammirazione per il senso civico dei teutonici (ammirazione nata sul loco, non per sentito dire), ma ho l’impressione che ti avrebbero aspettato o fatto avvertire, anche senza la ragazza.

    Rispondi
  • 27 Settembre 2009 in 13:51
    Permalink

    Ti è andata veramente bene.
    Ai miei qualche anno fa in un parcheggio hanno praticamente divelto uno specchietto.
    I colpevoli? Scappati! 🙁

    Rispondi
  • 28 Settembre 2009 in 18:02
    Permalink

    @ Aleph – Tu non me la racconti giusta…hai aperto un’agenzia viaggi e non ci dici nulla?
    @ Carlo – Più che altro sembrava un agente della gestapo (parlando di tedeschi…)
    @ thelonius – vero, tanto di cappello.
    @ oregon – riguardo l’assicurazione penso tu abbai ragione.
    @ gaz – quando sono arrivato i due tedeschi erano già stati catechizzati dalla ragazza, non aveva senso infierire.
    @ lo scorfano – mi stanno ancora tempestando di email di scuse. Si direi che sono gente per bene.
    @ mexico – purtroppo questa è la “normalità”. Alla mia vecchia auto avevano ammaccato una portiera, visti i segni posso dire che il colpevale aveva un’auto rossa, per il resto…me la sono mangiata.

    Rispondi
  • 28 Settembre 2009 in 18:23
    Permalink

    é andata peggio a me: ho tamponato un marciapiede…fortunatamente non mi ha chiesto i danni XD XD

    p.s.ti ho aggiunto tra i miei link nel blog. ti dispiace?

    Rispondi
  • 28 Settembre 2009 in 18:34
    Permalink

    Un marciapiede dal cuore tenero 😆
    Linkami pure, non ci sono controindicazioni

    Rispondi
  • 28 Settembre 2009 in 18:52
    Permalink

    Non tutto il male vien per nuocere se c’è una brava ragazza nei dintorni.

    Rispondi
  • 29 Settembre 2009 in 10:01
    Permalink

    Il senso civico tedesco non so come è, so come è quello italiano, purtroppo… 🙁
    Come è successo ai genitori di mexico e a te, anche a me hanno portato via lo specchietto e fatto una piccola fitta nell’auto ma i colpevoli (io avevo lasciato l’auto per una mezz’ora al massimo quindi non avrebbero dovuto nemmeno aspettare le ore) ovviamente non erano lì.
    A proposito un nome Franz è il classico nome da tedesco o austriaco, no?
    🙂

    Rispondi
  • 29 Settembre 2009 in 18:42
    Permalink

    @ alberto -peccato che non l’ho più vista per ringraziarla ancora.
    @ ventus85 – Purtroppo non possiamo scegliere che ci tampona…
    Franz? Tedesco doc! 🙂

    Rispondi
  • 29 Settembre 2009 in 21:47
    Permalink

    A me è andata meno bene.. diversi anni fa’ ho parcheggiato la mia auto nuova nei pressi dell’ospedale, vicino ad un bar. Al mio ritorno, alcune ore dopo, vedo gia’ da lontano che qualcosa non va’…il portellone posteriore era spalancato…
    Quando mi sono avvicinato ho realizzato che era spalancato e danneggiato. Praticamente, il bischero (per non dire di peggio) che aveva parcheggiato accanto a me,nell’uscire dal posteggio si era agganciato alla mia auto sradicando quasi il portellone posteriore. Per finire sul parabrezza ho trovato un biglietto….sul quale pero’ non c’era scritto niente, aveva fatto finta di lasciare i propri dati perchè sicuramente qualcuno aveva visto l’icidente, dato che la zona è molto trafficata.
    Oltre il danno anche la beffa….

    Rispondi
  • 29 Settembre 2009 in 22:00
    Permalink

    Le tue prime parole facevano pensare ad un furto.
    Più che un incidente hai subito un vero e proprio atto vandalico.

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2009 in 13:17
    Permalink

    Stupore è una parola che sto cancellando dal mio vocabolario.
    La realtà tante volte supera le “leggende”.

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2009 in 16:43
    Permalink

    Nel biglietto non c’era scritto nulla o qualche scarabocchio, non ricordo bene….ma sul conto del carrozziere si… £ 600.000 ed era il 1991. Spesso la realta’ supera la fantasia!!

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2009 in 17:52
    Permalink

    Gli unici che se la godono sono i carrozzieri, tanto qualcuno paga.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi