L’artista con il trattore

Gli strumenti che un artista ha a disposizione per il suo lavoro sono quasi infiniti. La dimostrazione ci viene dall’artista Veronese trapiantato a Bologna Dario Gambarin, un pittore che alterna l’uso della tela ed i pennelli con i campi di grano e l’aratro. Se vi capita di passare dalle parti delle campagne di Castagnaro (Vr) e vedete un trattore solitario muoversi in modo apparentemente “disordinato” nei campi mentre un piccolo aereo gli volteggia sopra è probabile che stiate assistendo alla realizzazione di una di queste opere effimere di Gambarin; solo le foto scattate dall’aereo danno “vita eterna” al suo lavoro prima dell’arrivo dei trattori non-artisti che in poche ore preparano il terreno ad una nuova semina. La sensibilità di Gambarin è veramente unica; disegnare un volto su di una superficie di circa tre ettari non è semplice perché manca ogni minimo riferimento visivo. Dimensioni e proporzioni di ogni dettaglio sono fissate nella mente dell’artista che non può permettersi il minimo errore…l’aratro non concede correzioni.

In questo video (non di altissima qualità) pubblicato da quotidiano.net è possibile vedere le fasi di realizzazione di una delle sue ultime opere: il volto del presidente Americano Obama. Per chi ne avesse occasione dal 12 dicembre sarà possibile vedere alcuni suoi lavori presso le Grafiche Aurora (sempre nel Veronese) in un esposizione che vede la presenza di circa una cinquantina di artisti.

16 thoughts on “L’artista con il trattore

  • 8 Dicembre 2009 in 13:52
    Permalink

    E pensare che le persone che passano in auto lì vicino non vedono e non capiscono nulla.
    C’è bisogno solo di un paio d’ali… 🙂

    Rispondi
  • 8 Dicembre 2009 in 18:09
    Permalink

    A te che piace l’arte contemporanea, se ti capita di passare per Pesaro e doverci pernottare ( az, quante concomitanze..) devi alora andare all’Alexandre Museum hotel. é un Horel in cui ogni porta è un quadro ( vero) e anche i muri delle camere sono vere pitture, pure il bagno è tutto un dipinto. Ogni stanza con relativa porta-quadro è di un artista diverso, e le stanze sono una cinquantina. Puoi scegliere il tuo autore preferito.
    Ps. domani taglio l’erba col mio tosaerba elettrico in modo artistico! Grazie!

    Rispondi
  • 8 Dicembre 2009 in 18:28
    Permalink

    Quando ho visto la foto per un attimo ho pensato ai cerchi nel grano.
    Vuoi vedere che gli alieni si mettono a fare il ritratto ad Obama? 😆
    Questo Gambarin è veramente bravo, certo che potevano fargli un video un pochino più curato.
    Lo meritava.

    Rispondi
  • 8 Dicembre 2009 in 20:28
    Permalink

    @ gaz – Apriamo le braccia e decolliamo 🙂
    @ aleph- Mi hai incuriosito ed ho cercato il sito dell’hotel….figo!
    ps:se tiene questo tempo avrai bisogno di una muta da sub per tosare l’erba.
    @ mexico – ogni alieno che si rispetti ha il suo bel trattore ad energia fotonica. 😉

    Rispondi
  • 9 Dicembre 2009 in 13:03
    Permalink

    Avete mai visto art attack? si quel programma con Muciacia….l’artista Neil faceva cose del genere e non solo con i campi di grano.

    Rispondi
  • 9 Dicembre 2009 in 20:11
    Permalink

    @ semplice -Certo! Coperte, lenzuola, ombrelli, valigie, cappelli, ecc… 🙂

    Rispondi
  • 10 Dicembre 2009 in 19:53
    Permalink

    “Erba d’artista”
    Sempre meglio della “Merda di artista”
    ,-)

    Rispondi
  • 10 Dicembre 2009 in 21:15
    Permalink

    @ ReAnto – “erba” d’artista potrebbe avere molti significati….

    Rispondi
  • 10 Dicembre 2009 in 21:46
    Permalink

    @ alberto – credo di no…c’è meno programmazione e più istintività. In più anxche nei quadri “tradizionali” il lavoro è quasi monotematico: i volti.

    Rispondi
  • 10 Dicembre 2009 in 21:53
    Permalink

    Incredibile a cosa arrivi la fantasia e l’inventiva umana. Molto singolare l’arte di questo creativo…

    Rispondi
  • 30 Dicembre 2009 in 05:42
    Permalink

    Anche a me sono venuti in mente i cerchi nel grano a primo impatto.. certo che ci vuole un genio a disegnare un qualcosa con un minimo di proporzioni su una distesa cosi larga.. un genio!

    Rispondi
  • 27 Maggio 2010 in 22:05
    Permalink

    @ sara: Ben trovata sara. Il tuo indirizzo di posta elettronica è sufficiente per lasciare un commento nel blog, non serve inserire anche un indirizzo web…”non tuo” 8)

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi