canvas pagine

Non gridare aiuto, grida al fuoco

Poniamoci una domanda. Se mentre stiamo passeggiando sentiamo delle grida provenire da una via laterale, meglio se buia, come ci comportiamo? Magari in cuor nostro ci sentiamo degli eroi però la realtà può essere ben diversa, se le forze dell’ordine consigliano alle persone aggredite di non gridare un generico “aiuto” ma un più preciso, anche se falsissimo, “al fuoco”. La gente normale (mi si passi il termine) di fronte all’incognito si spaventa e si allontana, come dimostrano i casi di stupro commessi in presenza di persone che si trovavano a pochi metri di distanza senza intervenire, magari separati da una semplice siepe o un cartellone pubblicitario. Se invece gridiamo al “fuoco” è possibile che qualcuno, magari solo per curiosità, si possa avvicinare per vedere cosa succede e far desistere con la sua presenza l’aggressore. Partendo dal presupposto che la cosa migliore è sperare di non trovarsi MAI in una situazione del genere può essere utile sapere quali altri consigli possono tornare utili in caso d’aggressione. Ad esempio: sembra che un violentatore più che essere attratto da un vestito provocante sia attratto da un vestito facile da togliere e da capi che può utilizzare per immobilizzare la vittima (sciarpe, foulard), i capelli lunghi poi favoriscono la presa. Viceversa: chiudere sempre la macchina, girare con oggetti come ombrelli o borse pesanti, camminare a testa alta e con piglio deciso sarebbero tutte situazioni “poco gradite” ai potenziali aggressori come anche urlare dei “no” perentori piuttosto che supplicarli di lasciarvi andare.

Boh… sono tutte situazioni abbastanza teoriche a mio parere ma se questi sono i consigli probabilmente ci sono dei dati statistici che li avvalorano. Le uniche cose certe sono le pene sempre più severe verso questo genere di crimine. Severe ma fumose in molti casi, ma questo è un’altra storia. 🙄 Esempi? In Gran Bretagna lo stupro è punito con un minimo di 5 anni di reclusione fino all’ergastolo per i casi più gravi. L’attenuante del “consenso” non ha valore nel caso in cui la vittima sia ubriaca, drogata sequestrata o se teme violenza, se poi la vittima ha meno di 13 anni non c’è scusa che tenga. In Francia la pena è di 15 anni e si sale a 20 anni nel caso che la vittima abbia meno di 15 anni, ci sia stata violenza di gruppo, minaccia con arma e conseguenze come mutilazioni o invalidità. In Germania si parte da un minimo di 2 anni di reclusione ma si arriva anche all’ergastolo. Negli U.S.A. Le normative cambiano da stato a stato con una media di circa 12 anni per le sentenza ma solo la metà del tempo effettivamente trascorso in prigione. Ed in Italia? La reclusione va dai 5 ai 10 anni, fino a dodici se ci sono aggravanti come l’uso di sostanze alcoliche, narcotiche, armi o la vittima a meno di 14 anni.

Immagine da: thedreamzone.com
Share

, , ,

9 commenti a Non gridare aiuto, grida al fuoco

  1. leonardo 4 maggio 2010 at 18:34 #

    Quando scrivi – ma questa è un altra storia – a cosa ti riferisci?

  2. mex 4 maggio 2010 at 20:14 #

    A questi consigli aggiungerei mai uscire da sole la sera. A volte mi piacerebbe fare delle passeggiate o andare a piedi al cinema ma non mi fido. Esco solo se in compagnia.

  3. Diana 4 maggio 2010 at 21:21 #

    Ho già sentito questa teoria ma non penso sia molto efficace. che sia fuoco, rapina o stupro, chi non vuole essere coinvolto si allontana frettolosamente… è triste non poter sperare in un aiuto ma spesso, chi dà una mano, fa una brutta fine, come il barbone eroico di qualche giorno fa, morto accoltellato per salvare una ragazza e lasciato per più di un’ora agonizzante sul marciapiedi mentre al gente passava… 🙁

  4. Caigo 4 maggio 2010 at 21:43 #

    @ leonardo: Sappiamo bene che un buon avvocato può fare miracoli invocando cavilli e attenuanti di ogni genere.
    @ mex: Purtroppo non è possibile uscire solo per piacere e in compagnia. Se hai la necessità di muoverti non hai sempre al garanzia di “coprirti le spalle”.
    @ Diana: Vero… se ti trovi davanti lo psicopatico che “non si spaventa” un solo soccorritore rischia fortemente di diventare la seconda vittima.
    Diciamo che dovremmo pensare positivo e sperare che TUTTI siano disposti ad intervenire in caso di bisogno. Sottolineo sperare.

  5. paolo 5 maggio 2010 at 14:00 #

    Sarà banale ma trovo che le pene sono troppo basse.
    Dopo cinque anni uno può tornarsene a casa bello felice ma intanto la vita della sua vittima può essere rovinata per sempre.

  6. aleph 5 maggio 2010 at 18:25 #

    Visti anche i commenti forse è più efficace gridare : SUPERGNOCCA IN ARRIVO!

  7. Caigo 5 maggio 2010 at 20:46 #

    @ paolo:Sulla qualità delle pene potremmo parlare a lungo ma temo che per i “fuori di testa” conti poco sapere di rischiare 1 o 1000 anni di condanna.
    @ aleph: Per assurdo potrebbe pure funzionare…a ‘sto punto….

  8. lordfelix 7 maggio 2010 at 20:22 #

    Hai scritto che l’aggressore non è attratto da un vestito provocante.
    per me non è così, sopratutto nelle discoteche trovi ragazzine vestite in modo che sembrano dire saltami addosso. Dovrebbero stare più attente e non dare occasioni ai malintenzionati.

  9. Caigo 11 maggio 2010 at 17:50 #

    @ lordfelix: sicuramente ci vuole “buon senso” nel frequentare luoghi a rischio ad orari sempre a rischio ma questo non significa che uno si debba sentire autorizzato a saltare addosso alle ragazzine solo perché mostrano un po’ di coscia. Non siamo animali..o non dovremmo esserlo.

Lascia un commento