Notice: Undefined index: id in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 145

Notice: Trying to access array offset on value of type null in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 145

Notice: Undefined index: id in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 146

Notice: Trying to access array offset on value of type null in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 146

Ornella la mamma di Niki

In questo video Ornella Gemini, la mamma di Niki Aprile Gatti, parla della morte del figlio avvenuta in circostanze poco chiare il 24 Giugno 2008. Diversi blog che frequento lo hanno pubblicato o citato e probabilmente chi legge queste pagine lo ha già visto, ma se anche una sola persona in più lo visionerà sarà comunque una persona in più informata. La speranza è che non si dimentichi, che la verità-vera esca qualunque essa sia.


Riferimenti. nikiaprilegatti, agoradelrockpoeta.

16 thoughts on “Ornella la mamma di Niki

  • 16 Maggio 2010 in 20:36
    Permalink

    Quoto Saamaya in toto. Grazie!

    Rispondi
  • 16 Maggio 2010 in 20:43
    Permalink

    Caro Caigo, tra le persone in più ci sono sicuramente io che frequento poco la rete. Non conoscevo questa storia, mi ha fatto venire i brividi.
    Perché tutto questo mistero, cosa c’è da nascondere? 😥

    Rispondi
  • 16 Maggio 2010 in 21:14
    Permalink

    La giustizia degli uomini è fallibile. Ma se possiamo ammettere un errore giudiziario sulla base di molte circostanze contrarie, fa paura pensare di essere fermati per accertamento e morire in carcere.

    Rispondi
  • 16 Maggio 2010 in 21:43
    Permalink

    @ Saamaya e Daniele: Grazie a voi e speriamo bene.
    @ mex: Mi pongo le tue stesse domande…
    @ Barcalio mago: Una morte assurda, non ci sono scuse per chi lo ha permesso.

    Rispondi
  • 16 Maggio 2010 in 22:00
    Permalink

    Gentile Ornella, da un po` di tempo in Italia e` diventato tutto uno schifo,e la polizia ne e` a capo.Ho visto Striscia la Notizia,ed ho capito che i poliziotti in Italia sono dei grandi delinquenti(salvando qualcuno)!A vedere certe cose ti viene la voglia di prendere un mitra e ammazzarne parecchi.Per quello Stupido di Cossiga danno botte alla gente.Invece di pensare alla povera gente fanno Monumenti per la pace.Quale pace?Perche` non fucilano i poliziotti che hanno ammazzato suo figlio?Disgraziati ASSASSINI!!! E Cossiga?Ha visto tutto e non ha mosso un dito
    St>>>>>!

    Rispondi
  • 17 Maggio 2010 in 08:12
    Permalink

    Chiedo scusa alla S.ra Ornella per il mio grande sbaglio,e mille scuse all’ ex presidente Cossiga,era Scalfaro colui che dovevo scrivere,e non so come ho scritto un altro nome.Mi sono accorto troppo tardi.Scusatemi tutti ! Forse e` la rabbia di sentire e di vedere cose che non dovrebbero succedere. Grazie.

    Rispondi
  • 17 Maggio 2010 in 09:58
    Permalink

    Sono d’accordo con te: se anche solo una persona in più verrà a conoscenza della storia di Niki e di Ornella, ne sarà valsa la pena. E’ a questo che servono i blog.

    Rispondi
  • 17 Maggio 2010 in 13:16
    Permalink

    Non so chi lo ha detto ma sopravvivere ai propri figli è un dolore senza fine.
    Perdere un figlio, per di più in un modo così assurdo, deve essere devastante.
    A questa donna dobbiamo delle spiegazioni.Giustizia.

    Rispondi
  • 17 Maggio 2010 in 20:27
    Permalink

    Stanno venedo alla luce fatti tremendi che mettono veramente apprensione, potrebbe toccare a tutti. Ma la cosa grave è che compromettono la già scarsa fiducia nella giustizia e nei suoi operatori.

    Rispondi
  • 17 Maggio 2010 in 21:26
    Permalink

    @ claudio: Non credo che parlare di fucilazioni ed assassini possa aiutare a far chiarezza. Prendiamo le tue parole come uno sfogo.
    @ Ross: Giusto, i blog lasciano tracce pesanti nella rete, è un peccato non fare un fare un buon uso di questo strumento.
    @ leonardo: Come ho detto la verità deve uscire..qualunque essa sia.
    @ Diana:I casi strani stanno diventando fin troppi. Certi atteggiamenti “omertosi” non aiutano sicuramente a conciliare il rapporto tra stato e cittadini e questo è triste, amaramente triste.

    Rispondi
  • 18 Maggio 2010 in 11:01
    Permalink

    Grazie per il tuo sostegno.
    Cosa c’è da nascondere? Basta vedere i poteri che girano intorno all’inchiesta principale…

    Grazie ancora!

    Rispondi
  • 18 Maggio 2010 in 21:00
    Permalink

    @ l’incarcerato: Grazie a te e tutti quelli che s’impegnano a tenere alta l’attenzione.

    Rispondi
  • 20 Maggio 2010 in 21:10
    Permalink

    Come hai osservato, questi casi sembrano moltiplicarsi, ma può anche essere più grave, forse in passato non venivano nemmeno denunciati o portati alla luce della cronaca e forse erano già numerosi. Che almeno, parlarne, possa servire a sensibilizzare sul problema.

    Rispondi
  • 23 Maggio 2010 in 21:53
    Permalink

    @ Caigo:Si e` vero,hai ragione,e`uno sfogo.Io so cosa vuol dire
    perdere un Figlio.Pero` ora la polizia Italiana sta facendo troppo.
    E questo non e` giustizia.L`Italia non e` la Russia!

    Rispondi
  • 24 Maggio 2010 in 21:15
    Permalink

    @ Claudio: In Italia stanno cercando di mettere il bavaglio all’informazione…ci stiamo imbarbarendo.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi