La guerra dei mondi

Si tratta di uno dei più celebri e discussi romanzi di scienze fiction. Scritto nell’ormai lontano 1898 da Herbert G. Wells il libro ha saputo far parlare ancora di se grazie alla leggendaria versione radiofonica del 1938 ad opera di Orson Welles e i due film: il primo del 1953 diretto da Byron Haskin, il secondo del 2005 diretto da Steven Spielberg.
Ogni versione della storia rispecchia nel suo narrare le paure più opprimenti dell’epoca.
Nel romanzo originale la “vittima “ è una Londra che rispecchia i timori del primo novecento, in particolare quelle pressione del Kaiser che sfoceranno poi drammaticamente nella prima guerra mondiale.
Nel ’38 la versione radiofonica colpì gli americani nella loro culla d’ingenuità; molti pensarono veramente ad una invasione aliena del New Jersey e vi furono reali scene di panico e fughe di massa. Tale fu il ricordo dell’episodio che quando qualche anno dopo le trasmissioni radiofoniche vennero interrotte per annunciare che Pearl Harbour era stata distrutta dai giapponesi, molti americani che avevano ascoltato la trasmissione di Welles lo considerarono uno scherzo di cattivo gusto.

Quella che segue è una trascrizione dei primi minuti dello sceneggiato radiofonico:

(Siamo in onda)
Annunciatore: “Dalla Meridian Room dell’Hotel Park Plaza, di New York, vi trasmettiamo un programma musicale di Ramon Raquello e la sua orchestra. Ramom Raquello inizia con la ‘Comparsita’!”
(Si odono le prime note del motivo)
Annunciatore: “Signore e signori, vogliate scusarci per l’interruzione del nostro programma di musica da ballo, ma ci è appena pervenuto uno speciale bollettino della Intercontinental Radio News. Alle 7:40, ora centrale, il professor Farrell dell’Osservatorio di Mount Jennings, Chicago, Illinois, ha rilevato diverse esplosioni di gas incandescente che si sono succedute ad intervalli regolari sul pianeta Marte. Le indagini spettroscopiche hanno stabilito che il gas in questione è idrogeno e si sta muovendo verso la Terra ad enorme velocità. Dall’Osservatorio di Princeton il professor Pierson ha confermato le osservazioni di Farrell e ha descritto il fenomeno come qualcosa di simile a fiammate azzurre sparate da un cannone.
Torniamo ora alla musica di Ramon Raquello che suona per voi nella Meridian Room, dell’Hotel Park Plaza di New York”.
(Riprende il motivo musicale che termina dopo qualche minuto… rumore di applausi)
Annunciatore: “Ora un pezzo che incontra sempre il favore del pubblico, la popolarissima ‘Polvere di stelle’ eseguita da Ramon Raquello e la sua orchestra…”
(Musica)
Annunciatore: “Signore e signori, a seguito delle notizie riferite nel bollettino trasmesso pochi minuti fa, l’Ufficio Meteorologico Governativo ha pregato i maggiori Osservatori della nazione di seguire attentamente qualsiasi altro disturbo che si verifichi sul pianeta Marte. L’insolita natura di questi fenomeni ci ha indotti a richiedere il parere di un noto astronomo, il professor Pierson, dal quale ci attendiamo delle delucidazioni. Fra qualche minuto saremo collegati con l’Osservatorio Astronomico di Princeton, New Jersey. In attesa dell’intervista, riprendiamo la musica di Ramon Raquello e la sua orchestra”.
(Musica)
Annunciatore: “È pronto il collegamento con l’Osservatorio di Princeton, dove il nostro cronista Carl Phillips intervisterà per voi l’astronomo Richard Pierson. Ci trasferiamo dunque a Princeton, nel New Jersey”.

(Rumori confusi. Voci echeggianti)
Phillips: “Buonasera, signore e signori. È Carl Phillips che vi parla dall’Osservatorio di Princeton…”
Nel più assoluto verismo segue un’intervista con il professor Pierson sul pianeta Marte e i fenomeni segnalati sulla sua superficie. Poi viene data lettura di un messaggio pervenuto all’Osservatorio di Princeton.
Phillips: “Signore e signori, vorrei leggervi un telegramma indirizzato al professor Pierson dal dottor Gray, del Museo di Storia Naturale di New York. Il testo dice: “Ore 21:15, ora standard delle regioni orientali. I sismografi hanno registrato una scossa di forte intensità verificatasi in un raggio di 20 miglia da Princeton. Per favore, investigate. Firmato: Lloyd Gray, capo della Divisione Astronomica…”.
Ultimata l’intervista, lo studio di New York dà lettura di un bollettino speciale secondo cui, alle 20:50 circa, un oggetto fiammeggiante di grandi dimensioni, ritenuto un meteorite, è precipitato in una fattoria nei pressi di Grovers Mill, New Jersey:
Annunciatore: “Abbiamo subito inviato una speciale unità mobile e il nostro cronista, Carl Phillips, appena giunto sul posto, vi darà una completa descrizione del meteorite di Grovers Mill…”
Interrompendo il successivo programma musicale di Bobby Millette e la sua orchestra dall’Hotel Martinet di Brooklyn, l’annunciatore passa nuovamente la parola a Carl Phillips:
“Signore e signori è di nuovo Carl Phillips che vi parla dalla fattoria Wilmuth a Grovers Mill. Il professor Pierson ed io abbiamo percorso le 11 miglia da Princeton in dieci minuti. Bene, non… non so come cominciare per darvi una descrizione completa della strana scena che ho davanti agli occhi, qualcosa che assomiglia a una versione moderna delle ‘Mille e una notte’. Bene, sono appena arrivato. Non ho ancora potuto guardarmi intorno. Scommetto che è quello. Sì, penso che sia proprio quella la… cosa. Si trova proprio davanti a me, mezza sepolta in un’ampia fossa. Deve avere impattato con una forza tremenda. Il terreno è coperto di frammenti di un albero che l’oggetto ha investito toccando terra. Ciò che posso vedere dell’… oggetto non assomiglia molto a un meteorite, o almeno ai meteoriti che ho visto prima d’ora. Sembra piuttosto un grosso cilindro…”.
Seguono un’intervista con il proprietario della fattoria e quindi alcune domande al professor Pierson a proposito dello strano ronzio che sembra provenire dall’oggetto. Poi:
“Un momento! Sta accadendo qualcosa! Signori e signore, è terrificante! L’estremità dell’oggetto comincia a muoversi! La sommità ha cominciato a ruotare come se fosse avvitata! La cosa deve essere vuota all’interno!”
(Voci) “Si muove!” “Guardate, si svita, si svita, dannazione!” “State indietro, là! State indietro! Lo ripeto!” “Può darsi che ci siano degli uomini che vogliono scendere!” “È rovente, sarebbero ridotti in cenere!” “State indietro, laggiù! Tenete indietro quegli idioti!”
(Improvvisamente si ode il rumore di un grosso pezzo di metallo che cade)
Voci: “Si è svitata! La cima è caduta!” “Guardate là! State indietro!”
Phillips: “Signore e signori, è la cosa più terribile alla quale abbia mai assistito… Aspettate un momento! Qualcuno sta cercando di affacciarsi alla sommità… Qualcuno… o qualcosa. Nell’oscurità vedo scintillare due dischi luminosi… sono occhi? Potrebbe essere un volto. Potrebbe essere…”.
(Urlo di terrore della folla)
“Buon Dio, dall’ombra sta uscendo qualcosa di grigio che si contorce come un serpente. Eccone un altro e un altro ancora. Sembrano tentacoli. Ecco, ora posso vedere il corpo intero. È grande come un orso e luccica come cuoio umido. Ma il muso! È… indescrivibile. Devo farmi forza per riuscire a guardarlo. Gli occhi sono neri e brillano come quelli di un serpente. La bocca è a forma di V e della bava cade dalle labbra senza forma che sembrano tremare e pulsare. Il mostro, o quello che è, si muove a fatica. Sembra appesantito… forse la gravità o qualcos’altro. La cosa si solleva. La folla indietreggia. Hanno visto abbastanza. È un’esperienza straordinaria. Non riesco a trovare le parole… porto il microfono con me mentre parlo… Devo sospendere la trasmissione finché non avrò trovato un nuovo posto di osservazione. Restate in ascolto, per favore, riprenderò fra un minuto…”
…………………………………………………………………….
lo sceneggiato continua con un crescendo di tensione e tanto di intervento del “Ministro dell’Interno”.

Il film del ’53 pur rispecchiando una continuità della versione precedente si segnala per l’impatto della paura nucleare (siamo in piena guerra fredda) ed ovviamente per gli effetti speciali che per la prima volta, fanno la differenza in un film di fantascienza

Breve riassunto del film:

Un meteorite cade nei pressi di una piccola comunità. Un gruppo di cittadini si reca sul luogo dell’impatto per investigare; fra loro sono lo scienziato Clayton Forrester, la giovane Sylvia Van Buren e suo zio, il pastore Matthew Collins. Quando la folla si é diradata, dalla sommità del meteorite emerge un tentacolo metallico sormontato da una sfera luminescente. Gli uomini lasciati di guardia si avvicinano sventolando una bandiera bianca in segno di pace, ma vengono disintegrati da un raggio mortale. Forrester scopre che la meteora nasconde una nave spaziale e che la terra sta per subire una invasione. Il generale Mann informa lo scienziato che altre meteore simili stanno cadendo in diverse parti del mondo. Le astronavi Marziane calano sulle città distruggendo tutto quello che incontrano, esse, protette da un campo di forza che respinge ogni tipo di attacco, anche nucleare, sembrano essere indistruttibili. I Marziani invadono Los Angeles, la popolazione fugge in preda al terrore, poi, improvvisamente, mentre le navi si preparano all’attacco finale, uno dei veicoli barcolla e si abbatte contro un edificio…in tutto il mondo le astronavi aliene subiscono la stessa sorte. I Marziani sono morti, vittime di quei germi patogeni da cui, millenni di evoluzione, ci hanno resi immuni.

La versione di Spielberg (2005) è quella che più fa discutere.
Sicuramente a noi uomini del nuovo millennio fa strano che questi alieni super tecnologici, che hanno attraversato spazi siderali alla fine si facciano fregare da un banale raffreddore come nelle versioni precedenti.
Al di la di questo l’opera di Spielberg è apprezzabile per per il buon uso degli effetti speciali. Si noti che l’alieno “Tripode” rispecchia maggiormente la versione originale del romanzo. Nella versione cinematografica del ’53 si ripiegò alla versione “disco volante” unicamente per limiti di realizzazione.
Interessante anche l’idea di raccontare la storia non dal punto di vista di scienziati e militari come in origine ma da quella di un normale padre di famiglia che tenta in tutti i modi di portare in salvo i propri figli. E qui possiamo dire che la paura citata è quella legata al più recente fenomeno del terrorismo

11 pensieri riguardo “La guerra dei mondi

  • 28 Giugno 2010 in 20:46
    Permalink

    Non pensi che quando e se arriveranno gli alieni la gente penserà che si tratti di finzione cinematografica?

    Risposta
  • 29 Giugno 2010 in 21:04
    Permalink

    @ bluetooth: Direi di più. Il cinema ci ha mostrato “l’eccezionalità”, c’è pure il rischio della delusione, quella di scoprire che gli alieni sono più semplici (non dico banali) di quello che ci possiamo aspettare.

    Risposta
  • 30 Giugno 2010 in 15:12
    Permalink

    grazie per aver riportato l’inizio dello sceneggiato, era da tempo che volevo leggerlo (non potendolo ascoltare per radio).
    Il libro di Welles mi è piaciuto molto, così come il film del 1953, quello di Spielberg invece non mi è piaciuto molto: troppa spettacolarizzazione toglie libertà alla fantasia (basta guardare l’ottimo “Ultimatum alla terra”, dove il remake del 2008 è pochissima cosa rispetto all’originale del 1951).
    Sono fermamente convinto che nell’universo ci sia vita, più o meno intelligente della nostra (spero di più a dire il vero!), e che prima o poi la nostra e quella civiltà verranno a contatto. E sarà una delusione! Sia per quelli si aspettano alieni cattivi come i Predator o Alien vari, ma pure per quelli che si aspettano cose tipo ET, i filiformi di “incontri ravvicinati” o i misteriosi monoliti di 2001 odissea nello spazio. Delusione in questo senso, ma grandissima opportunità per comprendere ed imparare, sempre che – da entrambe le parti – ce ne sia voglia.

    Risposta
  • 30 Giugno 2010 in 17:34
    Permalink

    Sono convinto che gli alieni sono già tra di noi ed ho pure le prove.
    La mia vicina di casa non può essere ‘umana’. Dovresti vederla, sguardo nel vuoto, voce metallica e senza espressione, parole incomprensibili.
    Non è di questo mondo 8)

    Risposta
  • 30 Giugno 2010 in 18:43
    Permalink

    @ Francesco: Alla versione di Spielberg “concedo” l’idea di aver voluto raccontare la storia dal punbto di vista di un padre e non dei soliti militari, peccato che Cruise non sia molto convincente in questo ruolo.
    Sul possibile incontro con gli alieni la penso come te, anzi, ho una mia particolare teoria che prima o poi esporrò.

    Risposta
  • 30 Giugno 2010 in 18:45
    Permalink

    @ leonardo: Ma la tua vicina….non è che sia semplicemente esaurita? 😉

    Risposta
  • 30 Giugno 2010 in 21:13
    Permalink

    Da ragazzina avevo una vera passione per la fantascienza e mi sono letta decine e decine di romanzi e racconti. Poi ès tata la volta dell’horror… oggi sono quasi normale. Quasi.

    Risposta
  • 5 Luglio 2010 in 22:06
    Permalink

    Ahahah riesco ad immaginare le urla e le grida di chi scappava all’epoca! Poi alla fine che è successo a chi ha fatto lo scherzo?

    Risposta
  • 5 Luglio 2010 in 22:27
    Permalink

    @ Denis: Questo “scherzo radiofonico” (se vogliamo chiamarlo così) è stato l’episodio che ha cambiato in meglio il destino di Orson Welles.

    Citazione.
    « Per quello che abbiamo fatto sarei dovuto finire in galera, ma al contrario, sono finito a Hollywood » (O. Welles)

    Risposta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi