Notice: Undefined index: id in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 145

Notice: Trying to access array offset on value of type null in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 145

Notice: Undefined index: id in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 146

Notice: Trying to access array offset on value of type null in /home2/blumanna/public_html/wp-content/plugins/jetpack/_inc/lib/class.media-summary.php on line 146

Povere Sorelle d’Italia

Esattamente un anno fa gli Italici problemi venivano distratti dalle polemiche legate ad uno spot pubblicitario dove l’inno di Mameli era stato riarrangiato in chiave melodica ed il testo adattato in versione femminile.
Ci fu una vera e propria inserruzzione da parte di alcuni esponenti politici che, a mio parere, non avevano niente di meglio da fare. “Con l’inno nazionale non si scherza!” disse qualcuno e l’azienda che aveva commissionato lo spot per il quieto vivere di tutti lo tolse dalla programmazione televisiva.
Oggi, quasi in sordina, quello spot è tornato in programmazione in versione strumentale e sembra, al momento, non irritare nessuno. Quando un anno fa partirono le polemiche verso questo spot rimasi piuttosto perplesso, non tanto per le critiche in se (l’idea poteva piacere o meno ed è sempre una questione personale più che legittima) ma per i toni della polemica e per i protagonisti della stessa. I più arrabbiati facevano parte di uno schieramento politico chiamato “Forza Italia” che tra loro si chiamavano “Azzurri”.
Non ricordo la stessa indignazione mostrata verso lo spot anche nei confronti dell’uso politico delle due espressioni “nazional popolari” che per anni hanno creato imbarazzo pure ai cronisti sportivi. Come potevi augurare forza Italia in una manifestazione sportiva senza sentirti, anche solo poco, in imbarazzo? La perla della polemica fu quando in difesa dell’inno vituperato scesero in campo anche quelli che questo inno lo vorrebbero sostituire con un pezzo di successo di Giuseppe Verdi.
Una situazione veramente grottesca che purtroppo non è la sola nel nostro mondo politico-morale-pubblicitario. Ora non ci facciano più caso ma ricordate quando s’instaurarono le fasce televisive protette per i bambini? Per capirci, l’uso dei bollini rosso, giallo, verde all’inizio di ogni programma televisivo. All’epoca (2006?) si arrivò a proporre di vietare in Italia l’uso dei bambini negli spot. Polemicamente alcune agenzie andarono a registrare alcuni loro spot all’estero (estero che poteva essere anche S. Marino!) per aggirare il divieto (…astuti).
Oggi tutto questo sembra dimenticato, mentre in alcuni paesi nordici è vietata pure la pubblicità rivolta ai bambini (niente merendine, ovetti, ecc…) da noi i bambini in tivù ci sono a tutte le ore perché fanno ascolto; vedi tutti i vari talent-show pieni di cantanti in erba.
Chiudo tornando per un attimo allo spot di Sorelle d’Italia. In questi giorni un’altra azienda del settore calze ha lanciato il suo spot dove si vede una ragazza che per conquistare il suo bello lo insegue in auto e lo tampona, quando lui scende dalla sua auto lei solleva la gonna per mostrare la calza (alle donne) e la gambetta (agli uomini), poi finge uno svenimento. Cari pubblicitari, pensate d’aver azzeccato lo spot? Ricordo che molti uomini tengono più alle loro auto che alle loro mogli. Il belloccio dello spot sarà sceso dall’auto per soccorrere la fanciulla o sarà imbufalito per i danni subiti dal suo gioiello a quattro ruote? Ai posteri l’ardua sentenza.

I due spot Calzedonia. Edizioni 2009 e 2010.

[APRILE 2014 i video sono stati rimossi]

Puoi leggere anche:

13 thoughts on “Povere Sorelle d’Italia

  • 18 Ottobre 2010 in 18:39
    Permalink

    Interessante questo Giuseppe Verdi, un giovane dal futuro promettente.
    Certo il nome non lo aiuta, magari se si chiamasse John Green andrebbe meglio.

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 19:48
    Permalink

    Lo ricordo benissimo, trovai lo spot su YouTube e mi fu “bannato” all’interno di un post di riflessione in proposito… ah ah ah! La legge italiano sulla pubblicità è indietro di 1000 anni rispetto al resto dell’Europa, siamo l’unico posto dove anche uno yogurth viene reclamizzato da un corpo femminile seminudo!

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 20:20
    Permalink

    Spot a parte trovo che l’inno in versione melodica sia molto gradevole, molto più della marcetta militare come ce lo fanno sentire sentire. E poi non capisco questo indignarsi, l’inno americano viene suonato di continuo e nessuno si scandalizza.
    Con la mentalità che c’è qui J. Hendrix sarebbe finito in prigione per la sua versione elettrica dell’inno nazionale!

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 21:21
    Permalink

    @ Sig. Giovanni: Bentornato con il…nuovo nome. Si, quel John Green promette bene.
    @ Diana: Forse confondono yogurt “magro” con yogurt “nudo” (maledetta grammatica! 😉 )
    Ti avevano pure bannato il video? Ce n’è di gente con i tarli in testa… 🙁
    @ leonardo: Qui Hendrix sarebbe stato accusato di…lesa maestà.
    Forse lo farebbero anche oggi visto l’aria che tira.

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 22:04
    Permalink

    Siamo alle solite, dobbiamo sempre farci riconoscere di fronte al mondo 😕

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 22:06
    Permalink

    Ma posso dir la mia..non mi intendo di politica caro Giorgio Blu! Ma mi sembra che si ridicolizza l’inno Nazionale con un paio di calze..poi se cantato da donne ben venga…Un bacino sul naso.Fratello d’Italia:-) :mrgreen:

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 22:36
    Permalink

    @ mex: Al mondo c’è sicuramente di peggio ma questo comunque non ci giustifica.
    @ Calypso: Bacino a te Sorella di Germania 😀

    Rispondi
  • 18 Ottobre 2010 in 23:28
    Permalink

    @ matilda: Ti riferisci allo spot con le auto?
    1:0 per l’imbufalito.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2010 in 13:12
    Permalink

    Ogni giorno scopro un buon motivo per tenere spento il televisore.

    Rispondi
  • 19 Ottobre 2010 in 16:20
    Permalink

    Premesso che dell’Inno d’Italia mi importa assai poco (non ne sento il bisogno, nè provo senso di appartenenza), che le polemiche demenziali che sono state montate attorno alla questione svalutano questo triste paese molto più dell’uso che di esso si può fare e che sono ogni giorno più soddisfatta di aver eliminato la tv dalla mia vita, trovo lo spot molto carino.

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2010 in 15:31
    Permalink

    Al di là della polemica sull’utilizzo dell’inno nazionale in uno spot, mi vorrei soffermare un attimino sullo spot delle calze che hai citato: non l’ho visto ma lo trovo offensivo per la dignità delle donne. Questi stereotipi del cavolo per cui una donna appiana le situazioni alzandosi la gonna mi hanno veramente stufata!

    Rispondi
  • 20 Ottobre 2010 in 20:20
    Permalink

    @ zago: Ti perdi ben poco.
    @ Ross: Proprio polemiche demenziali, farebbe anche ridere se non coinvolgesse personaggi…istituzionali.
    @ vi_di: Gli anni passano magli stereotipi sono come pietre immutabili.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi