Il Commissario Caigo ed il caso dello spam da Libero

Era una notte buia e tempestosa…o anche no…erano settimane di piogge ininterrotte.
Il Commissario Caigo era alle prese con uno dei casi più intricati della sua carriera, da qualche tempo la sua casella di posta elettronica era invasa da valanghe di mail provenienti dal network di Libero.it. “Il tuo amico xxx ti consiglia il blog/video xyz ed ha aggiunto il seguente messaggio, blablabla…”.
Queste mail promozionali erano sempre arrivate anche in passato ma in numero limitato e sempre da utenti dichiaratamente amici del Commissario, ora invece le mail arrivavano copiosamente e, cosa ancor più strana, da gente del tutto sconosciuta al destinatario.
Che ci fosse qualcosa di strano nell’aria il Commissario lo aveva già intuito dopo che strane “Tentazioni” avevano colpito Blog_Penna_Calamaio o dopo le misteriose “tracce” trovate da lisa.friends.
Non c’era tempo da perdere, il caso doveva essere affrontato il prima possibile!
Il Giudice Ross autorizzò immediatamente le indagini e dopo una breve serie d’intercettazioni si arrivò ad mezza tacca della malavita locale, un soggetto che già in passata era tornata utile come informatrice: tale bimbaminkia.
Questa fu portata in Commissariato ed affidata ad uno degli ispettori più esperti: ladro di pantofole. Binbaminkia stava seduta nella saletta degli interrogatori con lo sguardo fisso nel vuoto mentre l’Ispettore ladro di pantofole le girava lentamente e silenziosamente intorno come uno squalo affamato; dopo oltre un’ora d’attesa la sguardo attento dell’Ispettore notò il primo evidente segno di nervosismo da parte dell’indagata, il suo piede sinistro cominciava a muoversi a tempo di Monsoon dei Tokio Hotel. “Bau! Parla!” – Sbotto d’improvviso l’ispettore. -” Chi c’è dietro all’invio di tutte queste mail? Qual è il suo scopo!”- . Bimbaminkia sobbalzò sulla sedia: -”Io non parrrlo kon te bruto zacco di pulci! Ze ti trova il mio boy ci penza lui a zistemarttti! Ekko!” – Solo la grande professionalità dell’Ispettore lo trattenne dall’azzannare bimbaminkia alla gola.
E poi lei stava cadendo nella sua trappola, dopo averla aggredita verbalmente era il momento di passare alla tecnica morbida. – “ Vedi bimbabinkia”- Disse ladro di pantofole assumendo l’espressione del cucciolotto affettuoso. -”Qui ti vogliamo tutti bene, e se ci dici tutto quello che sai potremmo farti anche un bel regalo.” – E mise sul tavolo un piercing realizzato saldando tra loro una scatoletta di tonno ed un forcipe. Gli occhi di bimbaminkia s’illuminarono davanti a quell’inaspettato regalo. -”Beh…non zei proprio un kagnaccio tanto kattivo. Allora…posso dirti ke ho sentito in giro…” – “Silenzio!” – Tuonò d’improvviso una voce. La porta s’aprì ed entrò agitando le braccia l’Avvocato semprepazza. -” Voi non avete il diritto d’interrogare la mia cliente senza la mia presenza! Ora noi ce ne andiamo e la prossima volta che vorrete parlarle dovrete prima contattare me!” – Prese bimbaminkia sotto braccio e si allontanò velocemente così com’era arrivata. -”Bau! Borca buttana!” – si lasciò sfuggire ladro di pantofole. -”Ma chi diavolo c’è dietro a questa storia se una mezza tacca come bimbaminkia può permettersi un Avvocato come semprepazza?-
Dietro al vetro nell’altra stanza, neri di rabbia, il Giudice Ross aveva ripreso a fumare ed il Commissario Caigo si era fiondato in gola un’intera tavoletta di cioccolata. Le indagini erano ancora ben lontane dall’essere chiuse….

Chi non è utente di Libero probabilmente avrà difficoltà a capire il senso di questa storia. Poco male, prendetela per quello che è, un racconto di pura fantasia dove mi sono divertito a creare dei ruoli immaginari per delle figure più o meno reali della blogosfera.
L’unico aspetto serio (più o meno) è che ho dovuto blindare uno dei miei indirizzi mail dal ricevere i messaggi citati nel racconto. Non ne abbiano a male gli utenti corretti che utilizzano questo strumento (nonna.fra tanto per fare un nome), quando posso visito più che volentieri le loro pagine e non ho bisogno di leggere i loro avvisi per fare questo. 🙂

Starring
Caigo – Il Commissario
Ross – Il Giudice
bimbaminkia – L’indagata
ladro di pantofole – L’Ispettore
semprepazza – L’Avvocato

23 pensieri riguardo “Il Commissario Caigo ed il caso dello spam da Libero

  • 13 Dicembre 2010 in 16:37
    Permalink

    Quando ho letto del giudice Ross per un attimo mi sono sentita chiamata in causa… 😯
    Per carità, giudicia (e per di più fumatrice) mai!

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 18:31
    Permalink

    Il piercing a forma di scatoletta di tonno+forcipe è un vero capolavoro d’arte contemporanea. Te lo sei inventato ho hai visto realmente qualcosa del genere? 😀

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 18:53
    Permalink

    Genialeeeee 😆 😀 😆
    Questo sì che è scorrevole e piacevole a leggersi…non quel mezzo tomo che ho postato io!
    Peròòòò che jella 🙄 proprio ora che volevo iniziare a sciverti delle lunghe e-mail…hmmmmmmmm…dì la verità;il commissario Caigo l’ha subodorato e ti ha consigliato di chiudere tutte le vie d’accesso 😕 Eh vabbeh 8) aspetterò paziente qualche falla nel sistema 😉 😀
    Ciaoooooooooo buona settimana 🙂

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 19:49
    Permalink

    Io nn vedo, io nn sento, io nn parlo, io nn oh fatto nintixximixximo, anxi… la mia casxella mail si è riempita di gente mai vixta prima, uno perfino mi ah proposto un ciento euro per incontrarmi… tu penza, senza il Puccio!

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 19:52
    Permalink

    Mi sembra che il problema sia rientrato, oggi nn ho ricevuto posta da sconosciuti, meno male, ogni volta erano decine e decine di mail che mi intasavano la posta. Ma… avvocato? ah ah ah! La bimbaminkia la Kiudiamo in riformatorio e le facciamo imparare i Promessi Sposi a memoria o buttiamo la Kiave! Buondì! ^__^

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 21:01
    Permalink

    Troppo bella!
    In questo periodo ho un monte da fare però vengo ogni tanto a leggere lo stesso e questo l’ho letto veramente con piacere…

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 21:38
    Permalink

    @ leonardo: Mai visto niente del genere. Immagino sia una creazione artistica dell’ ispettore “ladro di pantofole”.
    @ kinderella.lilla: Il commissario è uno che la vede mooooolto lunga. 8)
    @ BIMBAMINKIA: Proporrò al giudice controllare anche la tua mail. E poi avvertirò il povero Puccio!
    @ Diana: Bimbaminkia con un libro in mano? Allora tu credi nei miracoli! 😉
    @ ventus: E’ sempre un piacere ritrovarti. Lieto di averti divertita con questa storiella 😀

    Rispondi
  • 13 Dicembre 2010 in 22:31
    Permalink

    :mrgreen: Oddio Giorgio è bellissimo questo post. Il giudice Ross ha sentenziato che se lo frega e lo posta sul luogo del delitto con tutti i riferimenti del caso. Sono appena rientrata, dammi il tempo di impostarlo a dovere e poi sai dove dovrai continuare le indagini

    Rispondi
  • 14 Dicembre 2010 in 13:52
    Permalink

    In effetti non essendo utente di Libero qualcosa mi sfugge ma la storia è comunque molto simpatica.
    “Bau! Borca buttana”! Disse l’ispettore 😆 😆

    Rispondi
  • 14 Dicembre 2010 in 16:37
    Permalink

    @ redazione_blog: E mo’ vengo a vedere…
    @ mex: Grrrrrr!!! Bau! 😛

    Rispondi
  • 14 Dicembre 2010 in 20:50
    Permalink

    Tokio hotel, scatolette di tonno e forcipi!
    Questa storia sarebbe stata la sceneggiatura perfetta per un film del compianto Leslie Nielsen. 😀

    Rispondi
  • 14 Dicembre 2010 in 21:44
    Permalink

    @ ladro_di_pantofole: Buono Ispettore, buono… 8)
    @ zago: Hai citato uno degli attori più divertenti degli ultimi anni. Grazie, mi fa piacere ricordarlo.

    Rispondi
  • 14 Dicembre 2010 in 22:02
    Permalink

    Chi l’avrebbe mai detto… il commissario Caigo è una figura inquietante… devo rinkiudere la bimbamik prima ke si skopra che ha appiccicato le cicche masticate 🙄 (632, rigorosamente messe da parte per lo scopo) sulle portiere dell’auto commissariale…

    Rispondi
  • 16 Dicembre 2010 in 19:57
    Permalink

    Nielsen era troppo forte! Ci mancherà 😥

    Rispondi
  • 17 Dicembre 2010 in 03:38
    Permalink

    Lo avevo letto in altre vie..sai in incognito…e che proprio per lo spam di libero in settimana mi è stata chiusa da hotmail un’email che ero no affezionata, che usavo da dieci anni.Qui neanche un giudice più sapiente ci capirebbe qualcosa..su Calypso che ho usato altra email ho la bellezza dall’apertura di 700 e passa email da Marzo..li ho cancellate tutte. Oggi mi sono arrivate basta che vado a vedere, perchè ho cancellato ieri 11 messaggi..oggi sono stati buoni:-) Sul fatto che errivavano messaggi anche da non amici è da parecchio, credo mesi se non faccio errore. Ma che dire.Loro hanno la loro ragione di far pubblicitá spam a manetta, noi abbiamo torto marcio se diciamo, ma la finite, e alla fine va a finire a tarallucci e vino..ed hai fatto bene Giorgio ad ironizzare, perchè non c’é nulla di speranze vane . Un bacino a tutti.(Tutti sono quelli che porto nel cuore, lista o non lista su Libero). Sono stata veramente serena a rilassarmi questo periodoe sai che penso, che non me ne frega un fico secco di quel che che succede. Anzi come passi il Natale? Qui nevica e nevica? Sto alvorando tantissimissimo, sto bloggando poco, sto mangiando poco, ma sto vivendo tanto, ti basta per capire che anche se Libero domani manda millioni di email sulla luna, non mi interessa. Ciao Giorgio Bluuuuuu! :mrgreen: 😈 😉

    Rispondi
  • 18 Dicembre 2010 in 20:24
    Permalink

    @ zago: Addio detective Frank Drebin… 😥
    @ demetraseele’s: Qui è arrivata una spirzzatina di neve che ovviamente ci ha messi un po’ in crisi (questo non è il suo posto). A Natale (o meglio S. Stefano) lavoro. Stiamo nella …normale amministrazione.

    Rispondi
  • 18 Dicembre 2010 in 20:46
    Permalink

    Bello il tuo racconto di pura fantasia ispirato a cose reali che a me non succedono. Ha il giusto taglio e misura, scrivi propppio bene sai mannaro 👿 Aspetto con ansia la prosecuzione dell’inchiesta. 🙂

    Rispondi
  • 20 Dicembre 2010 in 21:57
    Permalink

    @ filo: Se l’inchiesta va “all’italiana” l’epilogo della storia lo vedranno solo i nostri bis-bis-bis-nipoti.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi