Lo spirito che ti ruba il fiato

Avete mai sentito dire che i gatti rubano il respiro ai bambini? Tra le tante superstizioni legate a questi animali c’è pure questa, probabilmente legata al fatto che il gatto cerca il contatto fisico e può accovacciarsi sul petto delle persone, magari con il muso a pochi centimetri dal nostro viso.
Di sicuro un gattone di 5 chili non è il massimo sul petto di un neonato e sarebbe bene stare un po’ attenti ma da questo ad attribuirgli capacità quasi vampiresche il passo è lungo.
Eppure questo timore che qualcuno o qualcosa ci possa rubare il respiro mentre dormiamo deve essere ben radicato nel nostro inconscio visto che questo tipo di…furto non viene contestato solo al gatto.
Già nell’antica Roma, ed in seguito anche nel medio evo, si parlava dei demoni incubi (o inui) e della loro capacità di tormentare le notti degli umani con tanto di furto di respiro a bambini ed anziani. Girando in lungo e in largo per il nostro paese scopriamo che queste “entità” sono ben conosciute; cambiano nome, cambiano aspetto, ma il loro modo di operare rimane lo stesso.
Come esempio possiamo citare la pantafa/pandafeche (grazie a fiordicactus per il suggerimento  😉 ) che disturba il nostro sonno tra Marche ed Abruzzo o lo Svizzero tòggeli, quest’ultimo in particolare sarebbe uno scassa-marroni di prima categoria.
Si dice che il tòggeli entri in casa attraverso una fessura nella parete o il buco della serratura della porta; per questo s’immagina sia molto piccolo ma poi riesce a crescere molto rapidamente e diventa molto pesante (solo in questo modo può togliere il respiro alle persone salendoci sopra).
Una cosa distinguerebbe questo spirito tormentatore dagli altri suoi simili, questi potrebbe entrare nelle nostre case non in modo casuale ma evocato da qualcuno che vi vuole fare del male. Per nostra fortuna non è difficile rispondere a questo attacco, è sufficiente tenere una bottiglia vuota accanto al letto, non appena il tòggeli si allontanerà dobbiamo immediatamente fare pipì dentro la bottiglia avendo poi cura di tapparla molto bene; la conseguenza sarà che il mandante del tòggeli non riuscirà più a fare la sua “plinplin” finché non ci presterà qualcosa o la bottiglia sarà aperta. In qualche modo sarà costretto ad uscire allo scoperto.
Avrei pure io da suggerire un rimedio contro questi spiriti che durante la notte ti schiacciano il petto e ti tolgono il respiro: andare a letto solo dopo aver digerito per bene la cena. Specialmente se la cena prevedeva un paio di porzioni in più di tutte quelle cose scientificamente definite….”mattoni”. Se poi al tutto abbiamo aggiunto un x numero di assaggi di grappe e liquori vari non dobbiamo stupirci se il tòggeli di turno si porta pure qualche amico sul nostro petto stendendoci per bene.
Più seriamente, questi fenomeni si possono spiegare con delle forme di disturbo come la paralisi nel sonno o comunque qualche patologia più o meno seria che in passato non veniva diagnosticata dai medici. Ovvio che la fantasia popolare trovasse terreno fertile in questi argomenti poco comprensibili.
Per chiudere l’argomento facciano un’incursione nel mondo del cinema dove credo di aver trovato nel film Cat’s Eye un buon collegamento al tema.
Si tratta di un film in tre episodi scritti dal maestro del terrore Stephen King; in particolare nell’ultimo episodio troviamo una bambina, interpretata da una giovanissima Drew Barrymore, perseguitata da un piccolo e feroce troll che vuole rubargli il fiato. In suo aiuto arriverà un eroico gatto che sconfiggerà il troll dopo una battaglia non priva di qualche momento ironico.
Qui sotto propongo il video con gli ultimo minuti del film; il video è in lingua originale ma anche se non riuscite a cogliere tutti i dialoghi non è un problema, a meno che per dialoghi non intendiate quelli tra il gatto ed il troll.
Un’ultima cosa: solo per la cronaca il troll di questo film è stato creato da Carlo Rambaldi (King Kong, E.T…..). Buona visione.

[APRILE 2014 Video non funzionante]

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi