Torta alle banane

Attenzione, la lettura di questo post è sconsigliata ai fissati con le diete.
🙂
Di recente nel blog di camu ho trovato un post dedicato ad una “torta alle banane”.
Giammai! Orrore! L’unica vera inimitabile torta alla banana è quella del Caigo!
Nel senso che, in questo periodo pre-natalizio, me la faccio e me la mangio alla faccia del colesterolo (il “polistirolo” direbbe un mio conoscente….).
Dovrei conservare questo prezioso segreto tutto per me ma visto che in questo periodo dobbiamo essere tutti più buoni vediamo di condividere la ricetta.
La preparazione di questa torta è di una semplicità estrema e, cosa importante, non è particolarmente rigida nel dosaggio degli ingredienti, ci si può sbizzarrire in base a gusti e “logiche personali”.
Per la torta che fatto in questa occasione (sotto le foto) ho usato:
500 ml di panna liquida
1 cucchiaio di zucchero
3 banane
Circa 450 grammi di biscotti bucaneve.
Diciamo 2 pacchi da 200 grammi più un altro 1/3 di pacco. Si possono usare anche dei simil-bucaneve spesso più economici ma anche di dimensioni diverse, cosa che può condizionare la quantità di biscotti da usare.
300 ml di latte
cacao amaro q.b.
Dopo aver montato la panna con l’aggiunta del cucchiaio di zucchero inzuppiamo nel latte alcuni biscotti e disponiamoli sul piatto.
Poniamo una fettina di banana sopra ogni biscotto e quindi ricopriamo il tutto con uno strato di panna. Procediamo quindi con altri due strati di biscotti-banane-panna “stringendo” verso il centro come se volessimo realizzare una piramide.
Terminato il terzo strato spolveriamo il tutto con il cacao amaro, quindi poniamo la torta in frigo.
Dopo qualche ora la vostra opera sarà pronta.

24 pensieri riguardo “Torta alle banane

  • 15 Dicembre 2011 in 17:08
    Permalink

    Le foto mi fanno venire una fame indicibile 🙂 Comunque questa tua ricetta mi ha fatto ricordare la mia torta-ricotta (il nome è tutto un programma) di cui andavo ghiotto in Italia e che non preparo da anni! Ci farò un pensierino per Natale.

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 17:44
    Permalink

    Una fettina a me! ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti pregoooooo!!!! 😀

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 18:04
    Permalink

    @ camu: MAI abbandonare le vecchie e sane abitudini. Corri subito in cucina a preparare la torta-ricotta. 😀
    @ mex: Non so come dirtelo in modo indolore….
    Guarda le foto.
    Le prime quattro sono state scattate domenica mattina.
    La quinta domenica sera.
    Martedì avrei voluto fare qualche altra foto ma non avevo nulla da “ritrarre”.
    Comprendi? :mrgreen:

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 18:06
    Permalink

    Il problema qui è trovare la materia prima. Non vorrai certo che usi i “cookie” americani? (bleah)

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 18:15
    Permalink

    @ camu: Ricordo che nella zona di Little Italy trovammo un negozio (neppure tanto piccolo) che vendeva prodotti Italiani: pasta, olio, formaggi, ecc… Vuoi che da qualche parte non ci sia un bel negozietto con tanti biscotti “made” in mulino bianco, pavesi ,colussi, galbusera, buitoni….?

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 18:31
    Permalink

    Si, ma per me andare laggiù è come andare da Venezia a Trieste 🙂

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 19:17
    Permalink

    Ma ci vuoi proprio male!!!! Con le feste in arrivo, panettoni, pandori, torroni e cioccolatini, ci voleva solo il dolce alle banane….. 😆

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 19:39
    Permalink

    Mi piace il nome che hai dato alla categoria, MO TE MAGNO al posto della classica RICETTE.
    Da proprio l’idea del gustarsi il cibo.

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 21:23
    Permalink

    @ camu: Una sublime torta-ricotta potrebbe meritare qualche sacrificio.
    @ semplice: Si. Sono crudele e me ne vanto. 😆
    @ zago: Io non posso considerami un cuoco o comunque un esperto di cucina, per questo ho scelto il nome “mo te magno” per la categoria lo spirito è proprio quello che hai colto.
    @ Diana. E ricorda che non faccio prigionieri. Passato il Natale vi voglio tutte/i con almeno un paio d’etti in più! 😈

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 22:33
    Permalink

    Mannaggiaaaaaa…mi son scordata di compilare i campi sopra 🙄
    Meglio darsi alla culinaria,che rodersi per 4 culi in aria che ci vogliono affamare 👿
    Figurati che l’INPS,vuole togliermi l’invalidità 😥 la toglieranno agli invalidi
    mentre i “finti” se la godranno 😈
    Ciao Caigo,serena ninna 🙂

    Risposta
  • 15 Dicembre 2011 in 23:50
    Permalink

    Fare una torta di banane è la cosa più banale di questo mondo.
    Molto più difficile è fare una ciambella.

    Blu… comincia a preparare un buco, diciamo grosso così, poi ti insegno a come rivestirlo di ciambella.

    Risposta
  • 16 Dicembre 2011 in 14:39
    Permalink

    Taglia un’altra fetta. Magari accompagnata da una bicchierino di vino passito. 8)

    Risposta
  • 16 Dicembre 2011 in 15:49
    Permalink

    @ gilda: Speriamo che l’inps non faccia boiate. I buon senso deve prevalere. Stammi bene. 🙂
    @ Il THeO: Il buco lo preparo bello grande perché io non mi accontento di ciambellina striminzita. 😉
    @ leonardo: Ma si dai…andiamo anche di passito e dopo siamo a posto! 😛

    Risposta
  • 16 Dicembre 2011 in 22:07
    Permalink

    Mmmmm!!!! Quasi quasi ci provo, spero mio venga bene.

    Risposta
  • 18 Dicembre 2011 in 12:07
    Permalink

    E siccome è natale ed a natale si può fare di più, io sto pensando di modificare la tua ricetta, giusto per aumentare un tantino le calorie: strato di pandoro tagliato a stella, strato di banane, panna, strato di pandoro tagliato a stella, strato di banane, crema di cioccolato o di nocciola e così viaaaaaaa…sino al coma diabetico :mrgreen:

    Risposta
  • 18 Dicembre 2011 in 13:57
    Permalink

    Visto non mi è arrivata la fetta di torta mi sono decisa a farla da sola.
    E stasera me mangio tutta! 😈 😛

    Risposta
  • 19 Dicembre 2011 in 13:52
    Permalink

    Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh i Bucaneve! Io da bambina li adoravo… I bucaneve che buoni…chi non ha mai mangiato i bucaneve nella sua vita sgranocchiando la grassatura e poi il buco tra le dita:-)non ha capito nulla…ogni volta che vengo in Italia sono i biscotti che mi faccio rifornimento 😈 :mrgreen:

    Risposta
  • 19 Dicembre 2011 in 13:54
    Permalink

    Mamma mia che bomba extracalorica..che sei sciupatino?:-), provali con il gelato..oppure spezzali nello yogurt alle banane:-)

    Risposta
  • 19 Dicembre 2011 in 21:24
    Permalink

    Nota: Scusate il silenzio. Rispondo velocemente a questi commenti e poi scappo. Andrà meglio nei porssimi giorni.
    @ paolo: E’ impossoblie che non ti venga bene. Buona mangiata!
    @ Redazione_blog: Beh….io sarò “gastronomicamente” crudele ma tu mi superi!
    Il pandoro usato in questo modo diventa una vera arma letale! :mrgreen:
    ps: Domani (spero) mi faccio vivo per l’invito.
    @ mex: Una fettina a me! ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti prego ti pregoooooo!!!!
    [ti ho copiata] 😉
    @ Jenisha: Sciupatino io? Neeeee!!!!! Reggo bene ogni fonte di calorie. 😛

    > e vediamo se domani mi riesce di venirvi a trovare. 🙄

    Risposta
  • 20 Dicembre 2011 in 10:43
    Permalink

    Quasi quasi inserisco il link nella mia pagina delle ricette!

    ps a presto aggiornamenti sulle Poste, oltre a quel problema (non ancora risolto) ne ho avuto un altro. Conclusione: le Poste ce l’hanno con me. 👿

    Risposta
  • 20 Dicembre 2011 in 20:18
    Permalink

    @ ventus85: Direi di linkare la ricetta nel tuo frigorifero. Provala! 😛
    Il tuo problema con le poste sta andando per le lunghe….lo so, non è piacevole.

    Risposta

Rispondi a gilda Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi