Picchiato da uno struzzo

Come si raccolgono le uova di struzzo?
Un allevatore mi raccontava che le sue recinzioni adibite a “nido” sono dei lunghi corridoi con ad una estremità il punto di cova e ed all’altra una mangiatoia.
Quando è il momento di prelevare l’uovo mamma struzzo viene attirata verso la mangiatoia in modo che l’allevatore possa entrare in sicurezza a raccoglierlo.
Può accadere però che mamma struzzo non abbia fame, non sia in giornata buona per le distrazioni o che sia più furba di quanto si possa immaginare.
La conseguenza è che il povero allevatore, mentre si sta apprestando a raccogliere l’uovo, avverta una presenza alle sue spalle e voltandosi si trovi “vis a vis” con uno struzzo dallo sguardo poco amichevole.
La spiacevole situazione è stata vissuta da questo allevatore che si è trovato scaraventato a terra e pestato. Pestato è il termine corretto perché il pennuto di 150 chili una volta balzato sul corpo dell’uomo iniziò a saltellargli sopra.
All’allevatore non rimase altro da fare che rannicchiarsi in posizione fetale coprendosi la testa con le mani e cercare di rimanere immobile sperando che l’uccello sfogasse rapidamente la sua rabbia.
L’uomo non ricorda se passarono solo pochi secondi o alcuni minuti, quel che conta è che ad un certo punto la tortura finì e lo struzzo si allontanano permettendo così al malconcio allevatore di uscire strisciando dalla recinzione.
Morale: mai più andare da soli a raccogliere le uova. Portare con se qualcuno in grado di gridare “Scappa!!!”

20 pensieri riguardo “Picchiato da uno struzzo

  • 13 Gennaio 2012 in 17:24
    Permalink

    Beh, il povero uccello si è fatto letteralmente un cu(o così per fare quell’uovo, mi pare giusto che sia un attimino contrario all’idea di vederselo soffiare sotto il naso 😀

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 17:37
    Permalink

    Magari ti farò anche ridere ma io ho paura anche delle galline figuriamoci se avrei il coraggio di entrare in una gabbia di struzzi! 😯
    Ecco un lavoro che non accetterei mai.

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 19:02
    Permalink

    Quell’allevatore adesso coltiva l’insalata?
    Almeno quella non ti picchia! 😆

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 19:03
    Permalink

    @mex, non ne sarei così sicuro, con tutta la roba chimica che ci buttano sopra…

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 19:53
    Permalink

    Noooooo!!! L’invasione dell’insalata mutante nooo!!!! 😀 😀

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 20:04
    Permalink

    La zampata di uno struzzo può essere molto pericolosa, hai mai visto i suoi artigli?
    L’allevatore è stato fortunato a cavarsela solo con qualche pestone.

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 21:26
    Permalink

    @ camu: Un attimino contrariato? 😆
    @ marta: Guarda, se mi riesce preparo un video per esorcizzare la tua paura. Forse mi ci vorrà del tempo ma se la cosa va in porto ti avverto.
    @ mex e camu: Ok, diamo l’insalata direttamente allo struzzo e non se parla più! 😉
    @ zago: Non ho mai sentito di incidenti particolarmente gravi con gli struzzi.
    Immagino che le loro “tecniche di combattimento si limitino al pestaggio e non allo squartamento dei loro avversari. Dico “immagino ” perché non posso ritenermi un esperto in materia.

    [scappo, ci si legge domani. 😀 ]

    Rispondi
  • 13 Gennaio 2012 in 22:08
    Permalink

    Incredibili struzzi! Sembra che mettano la testa sotto la sabbia per far finta di non vedere e poi ti massacrano di botte. 😈

    Rispondi
  • 14 Gennaio 2012 in 12:24
    Permalink

    Lo struzzo della foto ha proprio un’aria birbante 😯 .
    Sebbene siano grandi e grossi, pare che gli struzzi siano dei gran fifoni 🙄 , perciò aggrediscono quando si trovano di fronte ad un “imprevisto” e nascondono la testa convinti di non essere visti 👿 …

    Rispondi
  • 14 Gennaio 2012 in 14:37
    Permalink

    raramente uso l’espressione sono d’accordo in TOTO, ma non posso che condividere il primo commento: quello di Camu!

    Rispondi
  • 14 Gennaio 2012 in 16:20
    Permalink

    Buon week-end!
    A te e a quel bravo e simpatico struzzo. 😀

    Rispondi
  • 14 Gennaio 2012 in 20:27
    Permalink

    L’uomo voleva fare la super frittata ed invece fritto ci è finito lui. 😀

    Rispondi
  • 15 Gennaio 2012 in 11:09
    Permalink

    @ filo e skip: Ad un osservatore inesperto può sembrare che lo struzzo metta la testa sotto la sabbia, ma in realtà si china con il collo disteso e con il corpo appoggiato a terra cercando di imitare un cespuglio o una grossa roccia, e se il predatore si avvicina troppo, scappa a grandi falcate che raggiungono i 70 km/h. [ da Wikipedia]
    Resta il fatto che lo struzzo in questione è birbante e picchiatore 😉
    @ il THeO: Struzzo batte uomo 2:0.
    @ geronimo: Buon week-end anche a te.
    Aggiorniamo. Struzzo batte uomo 3:0.
    @ Sig Giovanni. S-battuto. 🙂

    Rispondi
  • 15 Gennaio 2012 in 13:30
    Permalink

    Anche la mia oca mi minacciava e tentava di beccarmi quando raccoglievo il suo uovo. Han ragione loro, eh.

    Rispondi
  • 15 Gennaio 2012 in 19:30
    Permalink

    Grazie. Peccato che il mio sia un week-end con l’influenza. 😥

    Rispondi
  • 16 Gennaio 2012 in 17:29
    Permalink

    Ho mangiato un paio di volte la carne di struzzo. Non mi è sembrata un gran che e penso non la mangerò più: mai mangiare qualcosa che ti può uccidere.

    Rispondi
  • 16 Gennaio 2012 in 20:50
    Permalink

    @ Ross: Lo fanno (giustamente) d’istinto.
    @ geronimo: Mi dispiace. Spero almeno di averti fatto un po’ di compagnia con questa storia.
    @ Diana: Sopratutto se i legittimi proprietari sono più grossi di noi! 😛
    @ io ganimede: Il concetto non mi è del tutto chiaro ma mi adeguo…

    Rispondi
  • 17 Gennaio 2012 in 21:52
    Permalink

    E si è limitato a “pestarlo”,pensa se lo “beccava” 😕
    Ciao Giorgiooooooo,buona serata 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi