Last minute con purga

ovuliCome la prendereste se vi scambiassero per un ovulatore?
Non molto bene immagino. A riguardo forse avrete letto del fattaccio capitato in quel di Treviso e delle polemiche che ne sono seguite. A favore di quelli che si sono persi la storia ne faccio un breve riassunto.
Alla fine di agosto un imprenditore Nigeriano, con residenza in Sicilia, atterra all’aeroporto di Treviso con un volo proveniente dal Belgio. L’uomo opera nel settore dell’import/export di auto usate dall’Italia e dal Belgio verso la Nigeria e si trova a Treviso per concludere un affare.
Purtroppo, per lui, l’essere Nigeriano e spostarsi di continuo in aereo, quasi sempre con dei voli last minute, lo rende agli occhi della Polaria un potenziale ovulatore, ovvero un corriere della droga che usa il proprio intestino come contenitore dei famigerati ovuli. Per farla breve l’uomo è stato portato in ospedale per una radiografia di controllo, radiografia che non ha sciolto i dubbi della Polaria e di conseguenza lo ha fatto ricoverare per una terapia “lassativa”.
Dopo due giorni l’uomo, con l’intestino pulito, di fatto e legalmente, è stato rilasciato.
Per l’imprenditore oltre all’umiliazione e la rabbia per non essere stato creduto si è aggiunta anche la beffa economica visto che l’affare per il quale era giunto a Treviso è fatalmente saltato. Si parla di una possibile azione legale per ottenere un risarcimento ma qui andiamo su un territorio oscuro che solo che mastica legge può valutare.
Quello su cui vorrei riflettere è la domanda che ho posto all’inizio: Come la predereste se vi scambiassero per un ovulatore?
A questo punto prendere un volo last minute e/o viaggiare con un amico straniero può diventare rischioso.
Un consiglio? State leggeri e purgatevi prima di partire. Un intestino “opaco” potrebbe fermarvi a terra.

(Immagine sotto licenza C.C. di J Kelly, M Corrigan, RA Cahill, and HP Redmond )

14 pensieri riguardo “Last minute con purga

  • 25 Settembre 2013 in 18:42
    Permalink

    Che storia! A questo punto sono quasi contento di viaggiare poco, la polaria (non conoscevo questa parola) non potrà mai sospettare di me! 🙂

    Rispondi
  • 25 Settembre 2013 in 21:07
    Permalink

    Io non sono un esperto ma, come dicono quelli che parlano bene, una domanda sorge spontanea.
    Il tipo cosa aveva mangiano per rendere illeggibile la radiografia? Catrame?

    Rispondi
  • 25 Settembre 2013 in 21:25
    Permalink

    @ franco ruggeri: Una contentezza un po’ esagerata direi 🙂
    @ Sig Giovanni: Io sono stupito per i due giorni di ricovero. Un caso di stitichezza estrema, una beffa in questa situazione.

    Rispondi
  • 26 Settembre 2013 in 13:33
    Permalink

    Poveretto. Io quando scendo dall’aereo e vedo i cani antidroga entro nel panico. Un po’ perché ho paura dei cani ma anche perché temo che sentano odori sospetti, magari qualcuno mi ha infilato in tasca una bustina di droga.
    Lo so sono paranoica.

    Rispondi
  • 26 Settembre 2013 in 18:42
    Permalink

    Mangio tanto perciò mi potrebbe capitare. Credo che mi arrabbierei moltissimo e andrei in numerose Tv a raccontare il fattaccio visto che, per vie legali, ci sarebbero costi e lungaggini pazzesche.

    Rispondi
  • 26 Settembre 2013 in 20:40
    Permalink

    @ Martina: (ben trovata) Giustificare la bustina in tasca sarebbe un problema. Farsi prendere dalla paranoia è troppo ma un pizzico di prudenza è più che giustificabile.
    @ Diana: Penso che le vie legali alla fine siano indispensabili. Un po’ per avere una “giustizia concreta” ma anche per farsi suggerire le mosse corrette con TV e giornali.

    Rispondi
  • 26 Settembre 2013 in 21:38
    Permalink

    Secondo me la cosa è sfuggita al controllo delle autorità.
    Nel senso che dopo aver fatto i primi accertamenti senza trovare nulla si sono dovuti inventare i due giorni di ricovero per giustificare la perdita di tempo.

    Rispondi
  • 27 Settembre 2013 in 09:19
    Permalink

    Come minimo,mi ripurgherei e mi farei cogliere da un attacco di dissenteria nell’ufficio della polaria.Scherzi a parte:è mostruosa questa storia!

    Rispondi
  • 27 Settembre 2013 in 14:56
    Permalink

    Io penso ai veri ovulatori.
    Ma come fanno? E con che coraggio?
    E’ Pericolosissimo!

    Rispondi
  • 27 Settembre 2013 in 19:41
    Permalink

    la Pollaria cerca quindi potenziali ovaio li e ovaiole per fare poi chicchirichì …

    Rispondi
  • 27 Settembre 2013 in 20:46
    Permalink

    @ leonardo: Spero non sia così, la cosa sarebbe piuttosto grave.
    @ Fiamma: Fiamma di nome e di fatto! Saresti…devastante! 😀
    @ mex: Mi risulta che mangino verdure a pezzettoni per aiutare lo stomaco a dilatarsi e creare lo spazio per gli ovuli. Inoltre hanno tempi strettissimi, un solo ovulo spezzato è letale.
    @ Skip: Hahaha! Il tutto avrebbe quindi una sua logica! 😛

    Rispondi
  • 28 Settembre 2013 in 19:10
    Permalink

    Dici che il fatto che ho la carnagione scura e la barba mi deve far preoccupare?

    :-/

    Rispondi
  • 28 Settembre 2013 in 21:59
    Permalink

    Se questo ha un buon avvocato penso diventerà ricco grazie al risarcimento!!!!!

    Rispondi
  • 30 Settembre 2013 in 20:48
    Permalink

    @ Baol: Nel dubbio fai un pasto leggero prima di partire e quando passi davanti ai funzionari sparagli il sorriso più amichevole che riesci a fare 🙂
    @ dexter: Non qui in Italia. Se ricordo bene c’è un tetto, non molto alto, pure per i risarcimenti legati a detenzione immotivata.
    In breve: il risarcimento non sarà mai in grado di compensare il torto subito.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi