Morire d’amianto

AmiantoUn altro collega se n’è andato, portato via dal male che colpisce chi per tanti anni ha lavorato a stretto contatto con l’amianto.
Una storia fotocopia. Raggiungi l’età per andare in pensione, magari fai una festa, i colleghi ti prendono in giro con un filo d’invidia, ti porti a casa un regalo e poi cominci a goderti il tuo meritato riposo.
Dura poco. Un anno, due anni.
Arrivano i primi sintomi, fai gli accertamenti del caso e ti dicono che è proprio lui, lo stesso male che ha portato via altri colleghi ed amici prima di te. Gli stessi che, in anni dove se ne ignorava la pericolosità, maneggiavano con disinvoltura materiale contenente quel maledetto amianto.
Inizi le terapie. Un ciclo. Due cicli. Tre cicli……
Ciao Ivano.

 

ps: Perdonatemi se in questo caso non risponderò ai vs commenti ma onestamente non saprei che dire.

9 pensieri riguardo “Morire d’amianto

  • 14 Ottobre 2013 in 16:17
    Permalink

    Ciao, ho letto l’articolo su ok notizie.
    condoglianze da parte mia alla famiglia e voi colleghi.

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 17:24
    Permalink

    E’ tristissimo, ma purtroppo una volta non si conoscevano i rischi dell’amianto e si maneggiava questo materiale con disinvoltura. Condoglianze sentitissime alla famiglia e ai collegni di lavoro.

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 18:48
    Permalink

    Triste storia verificata si circa 20 anni fa anche con due colleghi di mio padre, di cui uno nemmeno cinquantenne. Certe sostanze e certi mali sono spietati.
    Condoglianze alla famiglia e a voi colleghi .

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 19:39
    Permalink

    Non é giusto. Si vive,si lavora, si fanno sacrifici per i figli, per farsi una casa e poi,sul più bello che potresti goderti la vita ti succede qualcosa di brutto.
    Ripeto, non é giusto!

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 21:31
    Permalink

    Malattie silenziose che colpiscono dopo tanti anni.
    Ha ragione dexter. Non è giusto.

    Rispondi
  • 15 Ottobre 2013 in 13:33
    Permalink

    Non serve aggiungere altro 🙁

    Rispondi

Rispondi a mex Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi