Quelli che fumano roba buona

erbaPer una curiosa coincidenza, in un paio di blog che abitualmente frequento, nei giorni scorsi si è parlato di droga.
Nel primo (Baol) lo spunto di riflessione era la “moda” di leccare i rospi allucinogeni, nel secondo (Mara) l’ennesimo caso di ragazzi intossicati dopo aver bevuto un decotto ottenuto dal famigerato Stramonio, pianta del genere Datura conosciuta anche come “Yerba del Diablo”. Ricordate? C’era pure una canzone nei primi anni 90.
A tal proposito ogni volta che leggo di questi casi d’intossicazione non posso fare a meno di stupirmi per la testardaggine di quelli che s’inventano di maneggiare questa pianta.
Lo Stramonio è intelligente (lui) e ti dice “lasciami stare, non mi toccare”. Dire che puzza è poco, non a caso dalle mie parti è conosciuta con il nome di “spusèra”! Fate voi.
Tutte queste premesse mi hanno fatto tornare in mente un episodio che forse dimostra come le droghe, in fondo, si annidino nel nostro cervello.
Ebbene. Immaginate di trovarvi ad un festival di musica rock. Lo spettacolo va avanti da ore e le band si alternano sul palco, voi decidete di sgranchirvi le gambe facendo una bella camminata. Ad un tratto si avvicinano dei ragazzi ed uno vi chiede «Hei amico! Hai del fumo? Fumo! Fumo!» continua a ripetervi facendo un gesto inequivocabile con le dite davanti alla bocca.
Forse pensa che siate tonti o sballati e ci tiene a farsi capire.
State per dire che non ne avete e che l’articolo non v’interessa quando, d’improvviso, un vostro amico vi anticipa e dice «Si. Aspettate qui, torno subito!». Stupiti lo vedete andar via e di li a poco tornare con un pacchettino di carta stagnola tra le mani. Lo consegna ai ragazzi che lo ringraziano con delle calorose pacche sulla spalla e si allontanano saltellando felici come bambini.
Rimasti soli fissate silenziosi il vostro amico. «Che c’è da guardare? Sono andato a prendere un pezzo di carta stagnola che abbiamo usato per avvolgere i nostri panini e ci ho messo dentro delle foglie di platano sminuzzate che ho raccolto vicino alla recinzione».
Un genio? Un pazzo? E se quelli si accorgono di essere stati presi in giro?
I vostri dubbi durano solo pochi minuti. Proseguendo nella vostra passeggiata ritrovate i ragazzi appartati in angolo. Stanno seduti in cerchio e si stanno passando una canna. Uno vi riconosce e vi saluta con un cenno della mano.
Si si… ciao belli!

12 thoughts on “Quelli che fumano roba buona

  • 11 Ottobre 2013 in 18:02
    Permalink

    Spusera vuol dire puzzolente, giusto?
    Mi spieghi una cosa? Come fai a pubblicare i post sempre alle ore 17:00? Stai ogni volta li davanti al pc al aspettare che scatti l’ora esatta? 🙂

    Rispondi
  • 11 Ottobre 2013 in 20:23
    Permalink

    Fammi capire, ma che razza di platani ci sono dalle tue parti???? 😀

    Rispondi
  • 11 Ottobre 2013 in 21:44
    Permalink

    @ campanellino: Spusèra = Puzza, puzzolente.
    Ti svelo un segreto, ma che resti tra di noi! 😉 Raramente scrivo gli articoli “in diretta”. Quasi sempre sono scritti il giorno prima, a volte anche molti giorni prima.
    Poi, per una mia convenzione senza un vero motivo 😛 la programma per il giorno “X” alle ore 17:00. Tutto qui.
    @ Sig Giovanni: Presumo siano platani del tutto normali. Mi correggo. Non ho mai fumato in vita mia quindi non ho motivo di dubitare della “normalità” delle foglie di platano.
    Se qualche fumatore ci volesse aiutare e testare questo tabacco alternativo si faccia avanti. 😉
    [mi reclamano, per stasera chiudo…]

    Rispondi
  • 12 Ottobre 2013 in 11:11
    Permalink

    Quei ragazzi si sono letteralmente trovati con il fumo negli occhi! 😆
    Ma come hanno fatto a non capire che si trattava di semplici foglie di platano e non di erba? Potevate dargli delle foglie di alloro per lo meno erano aromatizzate. 😀

    Rispondi
  • 12 Ottobre 2013 in 15:31
    Permalink

    @ Diana: E non ci sono effetti collaterali. Buon fine settimana anche a te.
    @ mex: Ed un bel cerchio di patate novelle per completare l’opera! 😉

    Rispondi
  • 12 Ottobre 2013 in 17:10
    Permalink

    Questi era già fatti di birre e altro per non riconoscere l’erba dal platano.

    Rispondi
  • 12 Ottobre 2013 in 21:55
    Permalink

    Da giovani si fanno tante sciocchezze. Immagina se quei ragazzi oggi leggessero il tuo racconto, secondo si vergognerebbero o la prenderebbero a ridere?

    Rispondi
  • 13 Ottobre 2013 in 20:23
    Permalink

    Mi chiedo come si comportano o comporterebbero oggi con i loro figli…

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 20:54
    Permalink

    “Datura” ultimo libro di poesie di Patrizia Cavalli, balsamico, altroché stramonio! 🙂

    Rispondi
  • 14 Ottobre 2013 in 21:41
    Permalink

    @ franco.ruggeri: Penso abbiano rimosso.
    @ Skip: Scandalizzati e arrabbiati. Conflitto tra generazioni.
    @ Filo: Si tratta di altra roba. Roba …buona. 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi