canvas pagine

Entriamo in un centro massaggi Cinese

massaggiDa qualche anno questi centri gestiti da Cinesi si sono diffusi in quasi tutte le città Italiane, le loro vetrine colorate sono diventate estremante popolari ed hanno stuzzicato la curiosità di molti. Questi locali spuntano d’improvviso nelle nostre vie, “vivono” per qualche settimana/mese per poi all’improvviso chiudere spontaneamente o (quasi sempre) forzati da un avviso di sequestro giudiziario che non lascia dubbi sulla regolarità dell’attività svolta. Ma cosa succede dentro questi centri massaggi? Bene, grazie alle gentile testimonianza del Signor Emme (noto “chiacchierone” della mia zona) vi posso raccontare questa storia. Va fatta una premessa, la storia in questione va presa per quella che è: un singolo episodio riferito ad una singola persona ed un singolo centro massaggi. Non intendo prendere questo caso come esempio che generalizzi la categoria, altri hanno la possibilità di raccoglie e valutare informazioni che possono fare statistica, in questo caso, ripeto, abbiamo una singola testimonianza. Buona lettura.
Emme apre il giornale, trova l’annuncio di quel centro massaggi per un giorno, due giorni, e ancora, ancora…. Pensa «Sarà quel centro che vedo ogni volta che passo per …?». Emme è curioso e vuole togliersi uno sfizio. Telefona al numero di cellulare pubblicato sul giornale. Risponde una voce di donna dall’accento straniero ed ottiene l’appuntamento.
Dopo mezz’ora Emme arriva al centro messaggi. Suona al campanello, lo fanno entrare. C’è un corridoio in penombra, sulla destra quattro o cinque porte, di fronte a lui dietro la cassa una donna (Italiana?) che lo guarda per un attimo e poi volgo lo sguardo verso il computer acceso. Dietro di lei c’è un divano dove stanno sedute delle ragazze impegnate a leggere delle riviste (Occhi di falco con quella poca luce!). Una delle ragazze si alza e lo fa accomodare nella prima stanza, quella accanto alla cassa, indossa un corto abito nero da estetista e parla un ottimo Italiano. Propone ad Emme una serie di massaggi, tutti nomi che a lui non dicono nulla, sceglie il massaggio “romantico” perché facile da ricordare, lascia presagire un futuro “interessante” e poi costa come tutti gli altri. Con qualche euro in più c’è anche il lavaggio in vasca, ma si, abbondiamo! La ragazza lo invita a prepararsi mentre lei esce un attimo. Emme osserva la stanza, al centro c’è un lettino da estetista, quelli “alti con il buco per la testa” (dice lui), vicino alla porta c’è la vasca da basca, un lavandino, un tavolo con sopra degli asciugamani e delle bottiglie (Olio? Sapone?). Si spoglia, appende gli abiti all’attaccapanni e indossa il perizoma di plastica trovato sul lettino. Il perizoma è sigillato dentro una busta trasparente ma il dubbio che non sia pulito/sterile rimane, speriamo bene. Si siede sul lettino e dopo un attimo la ragazza rientra. Un dubbio: “Che lo stessero osservando?”.
La ragazza lo fa distendere sul lettino , gli cosparge d’olio la schiena (si, il lavaggio è un optional necessario) e comincia a massaggiarlo.
I due cominciano a fare conversazione, più che altro domande a lei, si parla della Cina, del tempo trascorso in Italia e cose del genere. È simpatica! Ma sopratutto è brava. Emme non si è mai fatto fare dei massaggi e per lui questa è un’autentica rivelazione, è piacevole. Lei lo massaggia dalla testa ai piede, lo fa girare pancia all’aria , continua il massaggio ma la “proposta indecente” non arriva. Arriva invece il momento di fare il bagno. La ragazza ha riempito la vasca e invita l’uomo a togliersi il perizoma e lo aiuta ad entrare nell’acqua calda, lo insapona ed inizia a lavarlo con cura. Dopo qualche istante Emme ha un’erezione, lei lo guarda, sorride e dice «Eh… si è arrabbiato» e tutto finisce li, Emme viene asciugato, aiutato a rivestirsi, gli viene offerto un bicchiere d’acqua fresca ed infine è accompagnato alla cassa dove salda il conto. Non gli viene rilasciato ne uno scontrino ne una ricevuta ma bensì un biglietto da visita che sul retro presenta degli spazi per apporre dei timbri, in pratica una “tessera socio” che regalerà una prestazione omaggio al suo completamento.
Passano alcune settimane. Emme decide di tornare al centro massaggi, questa volta senza aspettarsi prestazioni sessuali ma unicamente per un vero autentico massaggio, quello della volta precedente lo ha fatto sentire veramente bene.
Telefona per un appuntamento. Attenzione, NON al numero che aveva letto sul giornale, ma quello del biglietto da visita.
Quando arriva al centro massaggi non vede la ragazza della volta precedente ma viene avvicinato da un’altra ragazza che lo fa accomodare nell’ultima stanza in fondo al corridoio. La stanza è uguale a quella vicino all’ingresso eccezion fatta per il lettino che non è del tipo da estetista ma un normalissimo letto ad una piazza coperto da un telo azzurro. L’uomo concorda la prestazione (come l’altra volta) ed inizia il massaggio.
Non è la stessa cosa, la ragazza parla solo qualche parola d’Italiano, non è una brava massaggiatrice, pur rispettando la sequenza di massaggi della ragazza precedente gli effetti non sono gli stessi; il senso di benessere è limitato ed in qualche momento da quasi fastidio. Ma c’è una novità! Una volta girato pancia all’aria Emme riceve la “proposta indecente”. Per 20 euro, da pagare a lei dentro la stanza e non alla cassa, è disposta a masturbarlo. Lui accetta, lei gli sfila il perizoma, passa dell’olio e procede.
Più tardi quando esce dal centro massaggi prende il biglietto da visita, guarda i due timbri sul retro e lo getta via. Deluso.

Share

, , , ,

27 commenti a Entriamo in un centro massaggi Cinese

  1. zago 27 maggio 2014 at 18:23 #

    Grande post! Degno dei ‘Belle di notte’ pubblicati anni fa!
    Come passa il tempo 🙄
    Dimmi, quando t’infiltrerai al gay pride per un bel reportage da un carro allegorico? 😛

    • Caígo 28 maggio 2014 at 20:16 #

      Non sarei credibile come drag queen, comunque sono sempre disponibile a pubblicare testimonianze interessanti, ok. 😉

  2. getrotal 27 maggio 2014 at 19:11 #

    Vediamo se ho capito, per avere un massaggio come si deve dovremmo continuamente cambiare centro estetico. Troppo complicato, meglio cercare un serio centro italiano.

    • Caigo 28 maggio 2014 at 20:20 #

      I due generi non sono paragonabili

  3. mex 27 maggio 2014 at 21:03 #

    Che squallore, tutti sanno cosa succede dentro quei centri e continuano a lasciare che ne aprano sempre di nuovi. Come mai? Il mercato delle licenze val bene chiudere gli occhi? 🙁

    • Caigo 28 maggio 2014 at 20:22 #

      Già, le licenze, i controlli sono sicuramente….light.

    • angelo 9 novembre 2014 at 18:45 #

      Già che squallore, assenza quasi totale di controlli presso questi bordelli, si perché i cinesi sono stati capaci ad aggirare la legge della socialista Angelina Merlin, detta LINA. Chiudere questi centri schifosi e immorali è facile, ma evidentemente quei tipi di massaggi piace a chi…………ci siamo capiti. Rassegnamoci tanto nessuno ci ascolta, poveri noi.

      • Caigo 9 novembre 2014 at 21:21 #

        A qualcuno…giova sempre.

  4. paolo 27 maggio 2014 at 21:58 #

    Allora la prima seduta serve a testare che il cliente non sia un poliziotto in borghese! Astute! 😛

    • Caigo 28 maggio 2014 at 20:25 #

      É l’aspetto che ha messo in evidenza il buon Emme 😀

  5. Gimmi Parsifal 28 maggio 2014 at 10:41 #

    Basterebbe regolarizzare la prostituzione, nel caso che hai citato abbiamo illegalità ed evasione fiscale, il massimo! Ma se non fanno nulla vuol dire che a qualcuno va bene così.

    • Paolo 5 settembre 2015 at 16:28 #

      È quello che io dico da anni. Legalizzando le case di tolleranza, si farebbe tutto alla luce del Sole, e le meretrici pagherebbero le tasse.

  6. Caigo 28 maggio 2014 at 20:31 #

    Sono anni che la si discute la cosa, inutile girarci intorno, non c’è la volontà di trovare la soluzione.

  7. skip 28 maggio 2014 at 21:29 #

    Forse quel qualcuno incrementa il fatturato delle belle di notte e di giorno. Sesso debole, da rivedere completamente questa espressione.

    • Caigo 28 maggio 2014 at 22:15 #

      Quando si parla di “fatturato” tutti gli altri argomenti passano in secondo piano.

  8. Sig Giovanni 28 maggio 2014 at 22:47 #

    Una curiosità quella d emme che poteva costargli cara.
    Questi centri vengono messi sotto sequestro di continuo, pensa se arrivavano i carabinieri a mettere i sigilli mentre si trovava con il pistolotto al vento! 😛

    • Caigo 29 maggio 2014 at 21:30 #

      Mettevano il sigillo anche al pistolotto, dove sta il problema? 😛

  9. stregaM0rgause 29 maggio 2014 at 08:01 #

    già,

    bel pezzo, divertente, la delusione…succede, ciauuu

    • Caigo 29 maggio 2014 at 21:31 #

      Da capire cosa lo avesse deluso, non me l’ha detto.

  10. il THeO 29 maggio 2014 at 10:14 #

    La delusione.
    Doveva cambiare la vasca da bagno, e sfogliando il catalogo la didascalia della foto recitava così: – “altezza… larghezza… lunghezza, confortevolissima… godibile in due.
    Aveva fatto acrobazie rubando qualche centimetro al muro per poterla installare.
    … ma era sempre mancato il due.

    • Caigo 29 maggio 2014 at 21:33 #

      Non soddisfatto e non riborsato….

  11. italioti di merda 5 giugno 2014 at 10:23 #

    La cosa che non mi è chiara pero’ è la seguente : ma quel tipo “deluso” come mai quando gli ha chiesto se voleva continuare il massaggio con l’ extra non solo non ha detto di no grazie, mica gli puntavano una pistola cinese alla tempia italiota. La cosa diventa persino piu’ ridicola pensando al fatto che il fantomatico “deluso” non solo dice “si” ma sborsa anche 20 euri extra per il servizio.

    Mah… questi strani.. stranissimi … ipocriti “delusi” italioti.

    PS.

    Comunque come dicono nel resto del mondo civilizzato dalla svizzera alla danimarca… “sex work is … work” .. se proprio volete fare gli ipocriti che scendono dal pero fate una bella cosa cominciate a richiedere gli scontrini dal bar… al barbiere…al tappabuchi che viene a riparare la lavatrice .. fino al dentista. E poi semmai si parla di criminalizzare la prostituzione a partire dai clienti pero’ che vanno, entrano, si fanno masturbare e pagano.

    • Caigo 5 giugno 2014 at 15:28 #

      Non sei l’unico ad avere perplessità sulla questione “deluso”, da spazio a diverse interpretazioni.
      Per il resto che dire: Analisi perfetta.

  12. The Dog of Miami 16 ottobre 2014 at 22:43 #

    Sempre piacevole leggere il tuo blog Caigo. Potrai immaginare a chi, di primo acchito, ho pensato nel leggere “… grazie alle gentile testimonianza del Signor Emme (noto “chiacchierone” della mia zona)”. Ovviamente il prosieguo della narrazione ha fugato qualsiasi dubbio 🙂

    • Caigo 17 ottobre 2014 at 18:07 #

      Ovviamente il Signor Emme di comune conoscenza non centra con questa storia ma la tua osservazione mi fa venire un sospetto. Che sia una caratterista degli Emme questa capacita di parlare, parlare, parlare, parlare…. 😛

  13. LA ROSA 6 novembre 2015 at 14:01 #

    ..nuove,gentili,preparate massaggiatrici,con massaggi di altissimo livello, secondo la più antica tradizione orientale,dal tui na al più energico thai al delicato e sensuale shiatsu..ti faranno provare vero benessere e il massimo del piacere!!
    In Via F********* G*****, **,vicino Corso F*****/via f******* nuova/via c*****.auto parcheggio, per comodità e riservatezza..ambiente esclusivo con cabine spaziose e confortevoli,perfettamente climatizzate..cordialissima accoglienza, con italiano parlato correntemente, per meglio individuare le tue esigenze e aspettative..VASCA,per predisporti ottimamente al massaggio,Doccia gratuita prima e dopo il massaggio,completo relax con un bel bagno in vasca idromassaggio, ..
    Inoltre epilazione completa con ceretta calda, metodo tradizionale, sicuro e senza controindicazioni..manicure..pedicure.
    Ma se hai poco tempo o intanto per conoscerci, anche un semplice bel massaggio e una veloce doccia rinfrescate..
    Cortesia… professionalità… riservatezza…
    Tutti i giorni dalle 10:00 alle 22,00.
    Gradita prenotazione.
    Tel. 328 *******

    • Caìgo 6 novembre 2015 at 22:33 #

      Capisco che per qualcuno lo spam possa rappresentare la nuova frontiera della pubblicità ma qui esagera.
      Non rimuovo il commento (fantasticamente surreale) ma indirizzo e telefono vengono sostituiti da asterischi (così: *****).
      Saluti 🙄

Rispondi a Caìgo Annulla risposta