La bionda con il suv

Donne e MotoriLo so, questa volta finirò nei guai. Punzecchiare le donne può essere estremamente pericolo e la possibilità che qualche fanciulla assoldi un hacker per affondare il mio sito o, sapendo dove abito, decida di rigarmi la macchina non è poi così remota.
È vero, il tema donne e motori è pregno di luoghi comuni ed io, che non mi considero un grande automobilista (non amo guidare) sono il primo ad essere solidale con la categoria ma… c’è sempre un ma.
Facciamo così. Donne! Non leggete questo post. Uscite! Andate a fare shopping, divertitevi! Ok?
…………………………………….
Uomini! Siamo rimasti soli vero? Bene.
Ricordate quando avete conseguito la patente? Voi qualche errore nei quiz lo avete commesso e probabilmente vi siete beccati pure qualche rimprovero durante le guide.
E le ragazze? Teoria, perfetta! Motore e codice della strada per loro non avevano segreti.
La guida? Da manuale! Forse leggermente più lente del dovuto ma riuscivano a parcheggiare in retromarcia fin dentro un bicchiere.
Ora logica vorrebbe che queste capacità andassero oltre il periodo del foglio rosa ma purtroppo non è così. Io non so da cosa dipenda, forse nella patente c’è qualche sostanza chimica che va ad alterare le funzioni ormonali della donne o chissà cosa. L’unica cosa certa è che loro si trasformano. Dopo poche settimane dimenticano completamente cosa sia un motore, alcune dimenticano pure che è necessario mettere della benzina nel serbatoio perché l’auto continui a funzionare. Le più ecologiste si aspettano che sotto il cofano vivano centinaia di laboriosi criceti, altro che motore! Corrono, fanno girare la loro ruota e l’auto avanza, poi, di notte, scendono dalla macchina e vanno in cerca di cibo nei nostri giardini.
Vogliamo parlare della guida?
É questo il tema donna-automobile che ha ispirato questo post.
Devo fare una premessa. Abito in una zona dove c’è un benessere abbastanza diffuso e le auto di un certo valore non mancano. I suv fanno la parte del leone e spesso sono guidati da donne bionde, sembrano fatte con lo stampino, stesse vetture, stesse pettinature, stesso abbigliamento e, probabilmente, un innato istinto da camionista che le spinge a guidare questi bestioni non sempre adatti a muoversi dentro le nostre città.
Due episodi.
A) Sto guidando nella mia città, ad un certo punto per spostarmi da una delle vie principali ad un’altra imbocco una traversale piuttosto stretta (è comunque a doppio senso di marcia). Mancano pochi metri all’uscita ed ecco che mi si para davanti il suv guidato dalla bionda. Strabuzza gli occhi, molla il volante ed inizia a farmi ampi gesti con le mani:
«Vai, vai, va indietro!».
«Indietro? Fammi capire, dovrei farmi 150 metri in retromarcia per farti passare quando a te basta indietreggiare due metri (realmente due) per lasciarmi uscire senza difficoltà.
No bella, spostati tu»
Apre la bocca sbigottita, sembra quasi balbettare. L’altra donna seduta al suo fianco ride divertita.
«Vai, vai va indietro!» Insiste.
Non ho più voglia di discutere, ingrano la marcia e avanzo. Gli specchietti si sfiorano ad una distanza di circa venti centimetri.
Lei è glaciale, l’amica ride, io parto. Ciao.
B) Strada di campagna, ovviamente stretta, la percorro a bordo di un furgone insieme ad un collega. In lontananza appare un suv guidato da una bionda, viaggia ad alta velocità occupando il centro della carreggiata.
Pensiamo, rallenterà, accosterà.
Niente da fare, non molla la presa! Siamo costretti a frenare e ad andare con le ruote sull’erba ma in fondo è colpa nostra, lei aveva fretta ed era impegnata al telefono. Poverina.
Succedono solo a me queste cose? Sicuramente no e sicuramente non solo con bionde a bordo di suv che, sottolineo, amo con tutto il cuore!
Notare che con le mie ultime parole sto cercando di rabbonire eventuali suvviste arrabbiate. Vi voglio bene!

27 pensieri riguardo “La bionda con il suv

  • 24 Giugno 2014 in 17:44
    Permalink

    Mia moglie mi ha appena chiesto se domani prima di rincasare passo a comprarle un chiodo.
    Le ho spiegato che non vendono chiodi singolarmente e che se vuole prendo una scatola.
    No, no! – Mi ha risposto – Me ne basta uno solo.
    Cosa avrà voluto intendere?

    Rispondi
  • 24 Giugno 2014 in 18:20
    Permalink

    Ho disobbedito e letto il post. Consentimi, nel secondo caso avrei perfidamente lasciato il furgone in mezzo alla strada 😉

    Rispondi
  • 24 Giugno 2014 in 19:56
    Permalink

    L’Italia sta facendo cagare e allora ti racconto questa storia.
    Arrivo ad un semaforo, é rosso e davanti a me c’è già una vettura ferma. Un grosso suv bianco guidato da una signora non-bionda.
    Scatta il verde, scatta il suv. in retromarcia! 🙁
    La signora scende e si scusa. Una scusa che vale quasi 3000 euro dal carrozziere .

    Rispondi
  • 24 Giugno 2014 in 21:03
    Permalink

    A malincuore devo ammettere che alcune tue affermazioni sono vere.
    Comunque attento, da qualche parte dovrei avere il tuo indirizzo. 😛

    Rispondi
  • 24 Giugno 2014 in 22:21
    Permalink

    É vero! Sono i criceti a far correre le auto! 😆

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 07:15
    Permalink

    Scusa se ti riscrivo a quest’ora e fuori tema ma ho letto della bambina investita e uccisa a Jesolo. Sbaglio o é successo nella zona dove alloggiavo io? E poi, é andata proprio come l’hanno raccontata?

    Rispondi
    • 25 Giugno 2014 in 18:19
      Permalink

      Si Giovanni, la zona è quella.
      Purtroppo è tutto vero,dalle modalità disgraziate dell’incidente all’accanirsi del destino verso quella famiglia negli ultimi due anni.

      Rispondi
      • 26 Giugno 2014 in 13:09
        Permalink

        Terribile. Grazie per l’aggiornamento. 🙁

        Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 13:27
    Permalink

    Eccomi qua, ho letto! Non so se succedono tutte a te, so solo quante super-cavolate vedo fare anche da uomini e concludo che la cattiva guida non ha genere! Ciaoooo 😉

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 13:40
    Permalink

    Mia sorella non ha mai fatto un pieno di benzina in vita sua.
    A dir suo perchè si sente impacciata, io sospetto che deleghi a papà per non dover pagare di tasca sua 😛

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 18:41
    Permalink

    @ Sig Giovanni: Dimostra che sei un amico. Non comprare i chiodi!
    @ skip: La tentazione ci era venuta ma poi abbiamo deciso che era meglio non rischiare.
    @ zago: Lo so che apprezzi vecchio misogino!
    @ getrotal: Ho già sentito storie simili, sembra non siano così rare queste partenze in retromarcia. Che botta!!!
    @ mex: Tu non ricordi il mio indirizzo, tu non ricordi il mio indirizzo,tu non ricordi il mio indirizzo…. 😛
    @ Dexter: Devo darti ragione? 😆
    @ Mara: Beh… la mia è una versione di parte. Non mi stupirei di leggere un post scritto da una donna con i protagonisti a ruoli invertiti :mrgreen:
    @ Gimmi Parsifal: Propendo per la seconda teoria. Astuta tua sorella! 😉
    @ stefitiz60s: Lo so, mentre lo scrivevo avevo i sudori freddi che mi scendevano lungo la schiena! 😀

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 19:59
    Permalink

    Noi donne siamo buonissime perciò ti perdono.
    E poi non so dove vivi, non saprei come fare per venire a picchiarti! 😀

    Rispondi
    • 25 Giugno 2014 in 21:14
      Permalink

      Fammi capire, sei buonissima solo perchè non conosci il mio indirizzo? Azz!!! 😀

      Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 22:34
    Permalink

    Martinaaaaa!!! Te lo passo io l’indirizzo!!! 😀 😀

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 22:35
    Permalink

    Per tua fortuna, Blumannaro, io ho la patente, ma non guido, Perché? Ti chiedi. Ora te lo spiego.
    Quando avevo ancora il foglio rosa, ho rischiato di precipitare da una scarpata. Fortunatamente, una grossa auto, nuova di zecca, mi ha bloccata, rovinando buona parte della sua carrozzeria. Da allora ho ripreso a guidare, ma sempre con eccessiva paura, fino a quando ho deciso di rinunciare alla guida dell’automobile.

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 22:44
    Permalink

    Una bionda entra in officina e chiede al meccanico se ha un Settecentodieci.
    Il capo officina la guarda perplesso e le chiede: “Che cosa è un Settecentodiedi?”
    Lei risponde, “Sa, quel pezzetto piccolo proprio in mezzo al motore. L’ho perso ed ho bisogno di un ricambio… E’ sempre stato lì.”
    Il meccanico, a questo punto, le porge un foglio di carta ed una penna e le chiede di disegnare l’aspetto di questo pezzo. Lei disegna un cerchio nel mezzo del quale vi è la scritta 7I0. Allora il meccanico porta la bionda di fronte ad una macchina col cofano aperto e le chiede : “C’è un Settecentodieci su questa macchina?”
    La bionda indica e dice: “Certo, è questo!”
    tratto da una (.pps) sulle donne al volante. 🙂

    Rispondi
  • 25 Giugno 2014 in 23:05
    Permalink

    @ mex: Stai buona :mrgreen:
    @ ELISA MIRABELLA: Qualcosa di simile mi è successo con le guide di preparazione all’esame di guida.
    Eravamo in tre con l’istruttore. Quella sera ci fece fare un percorso che prevedeva anche una curva in discesa.
    L’ultimo ragazzo prese male la discesa e solo la prontezza di riflessi dell’istruttore che afferrò il volante c’impedì di fare un brutto volo.
    @ il THeO: Bene, io sto rischiando di mio con questo post ma anche tu non scherzi!
    Che facciamo? Prendiamo i passaporti e scappiamo all’estero prima che ci trovino? 😉

    Rispondi
  • 26 Giugno 2014 in 07:46
    Permalink

    Mah,io guido spesso un pick-up nissan 4X4 che quanto a spazio batte il suv nel traffico cittadino e mai incontrato maschi che mi lanciano maledizioni:-) con altra macchina mi faccio agevolmente ore ed ore di autostrada..e qui devo ammetterlo, i limiti di velocità diventano un optional, per me, ma arrivo sempre prima degli altri…sarà perché non sono bionda ma nerissima e scarruffata?:-)

    Rispondi
  • 26 Giugno 2014 in 18:51
    Permalink

    Uffa che pignoli! Per due o tre ammaccature all’anno che potremo causare cosa vuoi che sia! 🙂 anche carrozzieri hanno bisogno di lavorare.

    Rispondi
  • 27 Giugno 2014 in 18:07
    Permalink

    @ stregaM0rgause: Prova a farti bionda e vediamo cosa succede 😛
    @ Marzia: Non è che sei di parte? Qualche famigliare che lavora nel settore? 😉
    @ ReAnto: Proprio tutte? Speriamo di no! 😀

    Rispondi
  • 28 Giugno 2014 in 21:35
    Permalink

    Vero, con la patente sono spesso più brave di noi. Come guidatrici non sono male è solo che tante sono troppo abituate a fare quasi sempre le passeggere.

    Rispondi
  • 29 Giugno 2014 in 22:38
    Permalink

    Io sono bionda ma non guido il suv. Una volta con la mia vecchia panda sono uscita da un parcheggio dove mi avevano incastrato altre macchine e ho ricevuto i complimenti di un camionista! Io guido benissimo, io, sono abituata ad arrampicarmi per certe stradine che voi umani non potete nemmeno immaginare. E poi distinguiamo, prego, fare di tutta l’erba un fascio è come dire che tutti gli uomini hanno i c….oni mentre c’è chi ce l’ha e chi non ce l’ha. Salut

    Rispondi
  • 4 Luglio 2014 in 08:19
    Permalink

    Purtroppo ne è pieno il mondo di persone così e non sono solo bionde a bordo di un SUV.. 🙂

    Rispondi
  • 4 Luglio 2014 in 18:30
    Permalink

    @ paolo: Teoria interessante…
    @ Filo: Promossa dal camionista? Vale quasi una patente bis! 🙂
    @ La Cri: Proprio ieri mi sono trovato davanti un “giovanotto” che con il suo macchino si era messo a sorpassare bus e vetture che avanzavano con la (giusta) calma.
    Mi sono fermato, allargato le braccia e gli detto «E adesso?».
    Il bus (pietosamente) lo ha fatto rientrare e poi lo ha fatto correre a suon di strombazzate. 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi