canvas pagine

Sesso orale al pompelmo

video inappropriatoCon l’arrivo dell’estate le radio iniziano a dare più spazio a temi leggeri, di puro intrattenimento, o ripropongono dei giochi evergreen come il classico “Indovina questo rumore”. Ebbene, una radio molto popolare nei giorni scorsi ha fatto ammattire i suoi ascoltatori con un rumore estrapolato da un video di youtube. C’è stato chi lo ha interpretato come “gremlins/critters che mangiano” o “autospurgo al lavoro” ma in realtà, tra lo stupore generale, trattavasi di un “fellatio acusticamente estremo”.
Andiamo per ordine. Se il tema non disturba la vostra sensibilità in coda al presente post troverete il video citato [Nota: potrebbe apparirvi un messaggio, come nell’immagine di presentazione, che ne dichiara i contenuti inappropriati e v’invita a loggarvi certificando così la vostra maggiore età]. Qui vedrete la signora Denise Walker tagliare della frutta ma attenzione, non si tratta della versione Americana de La Prova del Cuoco, infatti al partire dal minuto 2:45 apparirà un fallo di gomma e la signora procederà con un paio di dimostrazioni pratiche con e senza pompelmo.
Due pensieri mi sono passati per la mente dopo aver visto questo video.
A) Questa è una pratica erotica da evitare se i vicino hanno il sonno leggero. Le possibilità di trovarsi un esorcista che bussa alla porta sono alte.
B) Scopriamo chi è questa donna.
Denise Walker oggi è un’estetista ma sopratutto, dietro lo pseudonimo di Auntie Angel gestisce un sito internet dove vende libri e dvd che, manco a dirlo, parlano di sesso.
La Walker da anni fa anche dei corsi dal vivo su sesso sicuro ed educazione sessuale in genere (anche per l’esercito). Corsi indubbiamente “pittoreschi” che devono avere una loro credibilità se, ad oggi, continuano ad avere richieste.
Un aspetto che mi ha colpito della storia di Denise Walker è che dietro questo suo modo scanzonato di affrontare la vita e la sessualità c’è un passato segnato da due stupri subiti in famiglia. In un suo libro cita:

Ho parlato con così tante ragazze… molte erano state molestate o stuprate, e soprattutto quando si tratta della tua famiglia ti senti una vittima. Alla fine è come essere una sopravvissuta, sei una sopravvissuta ma quando sei in casa tua non puoi scappare.
E se lo racconti c’è chi non ti crede. Tua madre non vuole vedere tuo fratello in prigione, o suo marito, o chi per essi, e ti senti in trappola.
Quindi volevo dire alle donne che non sono vittime, che non è colpa loro e che ci sono modi per sopravvivere.
Bisogna perdonare quella persona, e affrontarla, se è ancora viva. Devi affrontarla perché vive sulla tua paura. Quando non hai paura, non ha più potere. E poi ti serve qualcuno che ti sia vicino. Dico alle persone di scrivere la loro storia e bruciarla, perché solo così possono capire che sono quello che sono grazie al passato. Guarda: sono stata violentata e sono sopravvissuta. Ho ancora una bella vita; ho dei figli; posso avere l’amore e una carriera. Una cosa del genere non mi definisce come persona. Non deve definire nessuno.


Mi chiedo se la Denise Walker di oggi sarebbe la stessa senza quell’amaro passato. Indubbiamente mi ha spiazzato perché nel mio immaginario (e credo non solo nel mio) è difficile collegare la donna di oggi alla donna di ieri. Una bella lezione di vita.
Complimenti Denise.

Share

, , , , , , ,