Le sabbie mobili nell’orto

Le piogge di questi giorni stanno creando delle situazioni inusuali, almeno dalle mie parti.
Una signora che conosco è letteralmente affondata nel vialetto del suo orto, tradita dal terreno sabbioso inzuppato d’acqua. Le sue urla hanno richiamato l’attenzione del marito che a fatica (era bloccata fin sopra la vita) è riuscito ad estrarla.
Dopo lo spavento le sue prime parole sono state: «Prima che ritorni a camminare nell’orto il terreno dovrà spaccarsi dalla siccità!».

10 thoughts on “Le sabbie mobili nell’orto

  • 1 Agosto 2014 in 17:29
    Permalink

    Immagino la paura, pensa se il marito non era li vicino! Io sarei morta di paura! 😥

    Rispondi
  • 1 Agosto 2014 in 18:14
    Permalink

    Le sabbie mobili non hanno mai ucciso nessuno, è impossibile affidare completamente come si vede nei film. Basta mantenere la calma e si esce.

    Rispondi
    • 1 Agosto 2014 in 20:22
      Permalink

      Ciao dexter, dire che le sabbie mobili non hanno mai ucciso nessuno non é del tutto corretto.
      E’ vero che non si affonda fino a soffocare nella sabbia ma uscire da soli non é facile se non si é preparati. Pensa che anche in una zona turistica e presumibilmente sicura come Mont Saint Michel ancor oggi capitano gravi incidenti, e tutto grazie (o per colpa) delle maree.
      http://it.m.wikipedia.org/wiki/Mont_Saint-Michel

      Rispondi
  • 1 Agosto 2014 in 21:38
    Permalink

    @ mex: Il bello è che per un po’ il marito non ha capito da dove arrivassero le urla perchè la moglie era mimetizzata tra carte e pomodori.
    @ dexter: Ok mantenere la calma ma teniamo conto che si tratta di un evento piuttosto insolito, il Veneto non è terra di sabbie mobili. Magari lungo il corso del Po ma non oltre.
    @ franco ruggeri: Hei! Fatalità Su Focus tv di recente hanno trasmesso un documentario su quella zona! 🙂

    Rispondi
  • 2 Agosto 2014 in 13:10
    Permalink

    Una situazione perfetta per me! Ci fossi stato io al suo posto chi mi tirava fuori? Magari il carro attrezzi. 😆

    Rispondi
  • 2 Agosto 2014 in 19:48
    Permalink

    Che brutta esperienza per quella povera signora!

    Rispondi
  • 2 Agosto 2014 in 19:48
    Permalink

    Assurdo, non siamo più al sicuro in nessun posto, ci toccherà girare con uno zaino attrezzato da kit di salvataggio anche quando giriamo per casa.

    Rispondi
  • 4 Agosto 2014 in 21:03
    Permalink

    @ stregaM0rgause: Un pizzico di sano terrore rafforza le coronarie.
    @ Sig Giovanni: Davanti a te le sabbie mobili si sarebbero aperte come il mar rosso davanti a mosè!
    @ ELISA MIRABELLA: Più che altro unica!
    @ getrotal: Un’idea da brevettare quella dello zaino! 😉
    @ Maria Antonietta: Se non conoscessi bene la fonte (il figlio) stenterei pure a crederci.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi