canvas pagine

Alcol test con sorpresa

Come si dice in questi casi, “è un periodo un po’ così”, non aggiorno il blog, non mi faccio vivo…
Per farmi (più o meno) perdonare pubblico una barzelletta che mi hanno raccontato pochi giorni fa.
Parla del consumo sconsiderato di alcolici, tanto per mantenere un filo amaro con il post precedente.
Una famiglia composita da padre, madre e figlio piccolino sta rientrando a casa dopo una giornata passata al mare. Ad un certo punto vengono fermati da una pattuglia di Carabinieri che sottopone il padre alla prova dell’alcol test.
«Signore, Il valore supera 1,5 grammi/litro, è una gravissima infrazione, dobbiamo sequestrarle il veicolo, sospenderle la patente e…».
«No! No! Si sbaglia!» Lo interrompe l’uomo. «L’etilometro è sicuramente guasto!».
«Nessun sbaglio» Ribatte il Carabiniere. «Le apparecchiature vengono controllate attentamente e di frequente».
«Senta, faccia la prova con mia moglie, lei è praticamente astemia, se ne renderà subito conto!».
Il Carabiniere ripete la prova con la donna ed esce lo stesso valore. Superiore a 1,5 grammi /litro.
«Non significa nulla, la signora ha sicuramente bevuto».
«La prego!» Continua l’uomo con le lacrime agli occhi «L’etilometro è sicuramente guasto! Facciamo così, lo provi su mio figlio, ha solo tre anni! Ha bevuto solo dell’aranciata, non dovreste trovare nulla di anomalo!».
Il Carabiniere si consulta con il collega e, sia pur controvoglia, ripete la prova anche sul bambino.
Risultato: superiore a 1,5 grammi /litro!!!
«In effetti è strano… guardi, controlleremo, intanto lei vada. Buonasera e ci scusi per il disturbo».
La famiglia risale in auto e riprende la strada verso casa.
Dopo qualche chilometro passato in silenzio l’uomo si rivolge alla moglie.
«Te l’avevo detto io! Visto che abbiamo fatto bene a far ubriacare il ragazzino!?».

Share

, , , , ,

19 commenti a Alcol test con sorpresa

  1. mex 17 settembre 2014 at 17:45 #

    T.E.R.R.I.B.I.L.E! 😛

  2. graziapave 17 settembre 2014 at 17:47 #

    padre criminale….

  3. ReAnto 17 settembre 2014 at 19:13 #

    Se fosse realtà , non mi meraviglierei :(.. 😀

  4. getrotal 17 settembre 2014 at 19:45 #

    La bella cantante del post precedente era più gradevole ma questa barzelletta al veleno mi fa morire 😀
    Spero che la tua assenza di questi giorni sia dovuta a impegni vari, meglio se piacevoli, e non a problemi personali.

  5. Caigo 17 settembre 2014 at 21:11 #

    @ mex: 😛
    @ graziapave: Dino Risi ne avrebbe fatto un personaggio de “I Mostri”.
    @ ReAnto: Tante volte a fantasia superare le più bizzarre fantasie.
    @ getrotal: Diciamo impegni vai e qualche situazione fastidiosa che non mi permette di gestire al meglio e serenamente il mio tempo. Da domani dovrei tornare a “curiosare” nei siti/blog altrui e poi…. vediamo cosa succede. 😉 Ciao

  6. leonardo 17 settembre 2014 at 21:45 #

    Curiosare in altri blog? Noooooo, ti vogliamo attivo QUI! Ok? 😉

  7. Chiara 17 settembre 2014 at 23:09 #

    Risate amare. C’è gente che potrebbe veramente inventarsi scuse del genere.

  8. zago 18 settembre 2014 at 13:32 #

    L’hanno raccontata pure a me 😆 é tremenda ma comunque simpatica. 😀

  9. Sig Giovanni 18 settembre 2014 at 21:28 #

    Non male, regge il confronto con quelle dell’amante e di cenerentola 🙂

  10. mex 19 settembre 2014 at 18:13 #

    AAA Cercasi Caigo. 🙂

  11. Caigo 20 settembre 2014 at 10:08 #

    “Commenti”…Tanto per cambiare sono nuovamente in ritardo.
    Proviamo a riprendere il filo interrotto
    😉

  12. Paolo 20 settembre 2014 at 12:25 #

    Filus interruptus 😀

  13. ELISA MIRABELLA 20 settembre 2014 at 20:39 #

    Per fortuna è una barzelletta!

  14. dexter 20 settembre 2014 at 21:14 #

    Un genio del male! 😛
    Buona Domenica.

  15. stregamorgause 21 settembre 2014 at 07:36 #

    MITICA!!!

  16. franco ruggeri 21 settembre 2014 at 20:32 #

    Simpatica ma tanto tanto tanto amara.

  17. Filo 21 settembre 2014 at 21:50 #

    Ciao Caigo. Salut.

  18. meninasallospecchio 21 settembre 2014 at 22:54 #

    Io la sapevo diversa, anche se mi è stata raccontata come storia vera successa al cuggino di un tale. C’erano solo il padre e il ragazzino, e tornavano da casa di amici. Il padre protesta che l’etilometro non funziona, fanno il test al ragazzino ecc. Poi arrivato a casa il padre riceve telefonata dagli amici che lo avvisano che il figlio si è mangiato tutte le loro ciliegie al brandy.

  19. Caigo 22 settembre 2014 at 21:24 #

    [Collettivo…] E meno male che è una barzelletta anche se anche se sappiamo che a volte la realtà è in grado di superare la fantasia.
    ps: Ciao Filo! 😉

Lascia un commento