canvas pagine

L’esodo degli Italiani da Istria e Dalmazia raccontato da Simone Cristicchi

magazzino 18Lo scorso fine settimana a Jesolo si è tenuto il 61° raduno nazionale dei Dalmati Italiani. Tra le varie iniziative legate al raduno va menzionano lo spettacolo “Magazzino 18” portato in scena da Simone Cristicchi che, nell’occasione, è stato anche premiato per il suo lavoro.
Ma cos’è “Magazzino 18?”. Si tratta di un monologo recitato e cantato dedicato ai 350.000 Italiani di Fiume, Istria e Dalmazia che nel 1947 abbandonarono tutto e scapparono per evitare violenze e soprusi nella nascente Jugoslavia di Tito.
È l’amaro epilogo di una storia che vide alternarsi domini, eccessi d’ogni genere e ritorsioni tra opposte fazioni (fascisti e comunisti in primis). A farne le spese furono, come sempre, le persone “normali”, gente che il più delle volte non aveva neppure una qualche ideologia politica e che pagò, anche con la vita, per una sola colpa: appartenere ad una determina etnia.
Agli Italiani, ultimi protagonisti di questa guerra mai dichiarata, il destino regalò una storia al limite del surreale. Da una parte massacrati nelle Foibe (6.000? 11.000? I numeri sono discordanti), dall’altra imprigionati dalle truppe di Tito, e poco contava dichiararsi comunisti ed aver combattuto al loro fianco come partigiani. Ed infine, la beffa per quelli che arrivavano in Italia; disprezzati, accusati d’essere dei fascisti e segregati, anche per anni, in veri e propri campi di concentramento.
Cristicchi è rimasto particolarmente colpito da questa storia MAI ben raccontata nel corso degli anni ed ha voluto vederci chiaro. Ha così scoperto il “Magazzino 18” (da cui il titolo dello spettacolo) nel porto vecchio di Trieste, questi era il luogo dove gli esuli lasciavano i loro beni (per lo più mobili) in attesa di poterne rientrare in possesso un domani.
Ben pochi lo hanno fatto, o forse nessuno, il magazzino è ancora li pieno di oggetti marchiati con i nomi dei loro vecchi proprietari. Oggetti ormai marci e per lo più di scarso valore visto che probabilmente quelli più preziosi saranno finiti in mano agli sciacalli.
Chiudo con un video.
Fate attenzione, è la seconda parte dello spettacolo trasmesso dalla RAI alcuni mesi fa.
La prima è già stata rimossa per i soliti/ovvi motivi di copyright. Vi consiglio di guardarlo o, meglio ancora, salvarne una copia da visionare con calma. Non ci sono garanzie che possa rimanere a lungo su YouTube.
In ogni caso, se ne avete occasione e se Cristicchi passa dalle vostre parti andate a vedere lo spettacolo. Troverete un artista che sa andare oltre le apparizioni al Festival di Sanremo e forse scoprirete una pagina della storia Italiana raccontata in modo diverso da come l’immaginavate.
Aggiornamento: La gentile Lohana mi segnala che lo spettacolo è integralmente visibile sul sito Rai Replay. In ambiente Windows è necessario aver installato Silverlight sul pc.

, , , , , , , , ,

19 commenti a L’esodo degli Italiani da Istria e Dalmazia raccontato da Simone Cristicchi

  1. Chiara 8 ottobre 2014 at 19:11 #

    E così forse scopriamo che sei di Jesolo o della zona. Se l’estate prossima passo dalle tue parti mi offri un gelato? 🙂 Dico così, per sdrammatizzare perchè questa storia mi ha fatto venire il magone.

  2. emil-b 8 ottobre 2014 at 20:20 #

    la verità non poteva essere raccontata perchè il “miglior” servo di Stalin (alias Togliatti) non voleva.

  3. mex 8 ottobre 2014 at 21:04 #

    Conosco la storia attraverso il racconto dei miei genitori, nati vicino a Trieste. Invece a scuola non ne parlammo mai, il programma non arrivava a trattarlo.
    Adesso ne fanno opere teatrali? Mi va bene anche così!

  4. Caigo 8 ottobre 2014 at 21:19 #

    @ Chiara: Rimango sul leggero. Un gelato non si nega mai.
    @ emil-b: Anche se i rapporti tra Stalin e Tito si deteriorarono?
    @ mex: Se uno spettacolo viene realizzato con serietà ha lo stesso valore di un testo storico, vedi i lavori di Paolini come esempio.

  5. getrotal 8 ottobre 2014 at 22:12 #

    Ammetto i miei limiti, come faccio a salvare copia del video?

  6. leonardo 9 ottobre 2014 at 13:07 #

    Cristicchi mi piace da sempre, mai banale neppure a sanremo.

  7. semplice 9 ottobre 2014 at 18:28 #

    Cristicchi è una bravissimo cantastorie, sia a Sanremo che altrove.

  8. Sig Giovanni 9 ottobre 2014 at 21:18 #

    Magari trovassi la prima parte del video. Comunque se passa dalle mie parti vado senz’altro a vederlo.

  9. Caigo 10 ottobre 2014 at 11:29 #

    @ getrotal: Ci sono programmi, plugin per browsers, siti diretti,ecc… la scelta è vastissima, basta digitare “scaricare video youtube” è ti apparirà una bella lista.
    Puoi provare downvids.net che ti scaricherà il video in formato mp4. Per una clip di qualche minuto bastano pochi istanti, per un video lungo come questo non so.
    @ leonardo e semplice: Vero, e forse la definizione “cantastorie” è quella che più gli si adatta.
    @ Sig Giovanni: Nel suo sito si possono trovare le date del tour. Lombardia e e forse La Spezia sarebbero le soluzioni più adatte a te.

  10. Marzia 10 ottobre 2014 at 21:19 #

    Avevo visto questo spettacolo in televisione, per puro caso, e ne ero rimasta impressionata. Mi chiedo perchè ci sia sempre tanta cattiveria nell’animo umano 🙁

  11. stregamorgause 11 ottobre 2014 at 07:29 #

    non ne sapevo nulla, grazie per questo post blu che mi ha fatto scoprire una minoranza italiana di cui ero quasi all’oscuro, foibe a parte.

  12. dexter 11 ottobre 2014 at 16:32 #

    L’uomo è una brutta bestia, viviamo per la sopraffazione.

  13. Lucia 11 ottobre 2014 at 17:45 #

    Ottimo articolo, video bellissimo! AQndate tutti su Facebook e aderite però alla pagina intitolata: 10 Febbraio Magazzino 18 in Prima Serata Siamo già quasi in cinquemila!!!

  14. franco ruggeri 11 ottobre 2014 at 19:06 #

    Un articolo decisamente indovinato, ora speriamo non arrivi qualche stupido come sull’articolo del negazionismo.

  15. Caigo 12 ottobre 2014 at 13:32 #

    @ Marzia:E dal vivo è pure più emozionante.
    @ stregamorgause: Grazie a te. Per me parlarne era un dovere dopo aver visto lo spettacolo.
    @ dexter: E pensare che ci riteniamo…intelligenti.
    @ Lucia: Grazie! per chi come me scrive per semplice diletto è una soddisfazione ricevere i complimenti da una professionista come te.
    Ecco il link dell’iniziativa.
    https://it-it.facebook.com/pages/Magazzino-18-Simone-Cristicchi-Pagina-Uff/362945120479520
    @ franco ruggeri: Ognuno può dire quello che vuole. Il bello delle parole scritte è che fermano il momento e mostra la vera natura di chi le esterna.

  16. io ganimede 13 ottobre 2014 at 17:29 #

    Ho visto che lo spettacolo passa per la mia città! Non me lo perdo, grazie per la segnalazione. 🙂

  17. Lohana 15 ottobre 2014 at 01:49 #

    Sul sito della Rai è possibile rivedere per intero lo spettacolo (ma è necessario aver installato Silverlight, come per ogni loro filmato): http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html?day=2014-02-10&ch=1&v=325489&vd=2014-02-10&vc=1#day=2014-02-10&ch=1&v=325489&vd=2014-02-10&vc=1
    Le date si posson trovare in ogni suo spazio web ufficiale: sito, Cristicchiblog e pagina FB (abbiamo aggiunto da poco una sezione Tour Dates 🙂 )
    Grazie per il bell’articolo e per il sostegno allo spettacolo ed a Simone stesso.

    Lohana, detta l’ [Admin] 🙂

  18. Caigo 15 ottobre 2014 at 21:25 #

    @ Lohana: Grazie “Admin” 🙂 Ho aggiornato l’articolo con il link che mi hai segnalato.
    Buon lavoro a te e al bravo Simone che spero di rivedere ancora in futuro.

Lascia un commento