Porca paletta m’hanno azzoppato!

Entro in un negozio  di lampadari e la proprietaria inizia a mostrarmi i vari modelli appesi al soffitto.
Scelgo quello che mi piace, lei prende un bastone uncinato e lo sgancia ma qualcosa non va per il verso giusto perché inizia a barcollare mentre il lampadario ondeggia paurosamente. Intervengo  afferrando la catena ma così facendo “accompagno” il lampadario contro il mio ginocchio. Nulla di grave… Sembrerebbe.
«Grazie»  interviene lei «Non mi aspettavo che fosse così pesante».
Andiamo alla cassa e lei si accorge che il lampadario ha una piccola crepa e così conciato non me lo può dare. Ne cerchiamo un altro simile (più leggero) e concludiamo l’affare.
Mentre rientro a casa il fastidio al ginocchio si trasforma in piccolo dolore.  Riscontro un piccolo taglietto  e un livido nero , niente di che, ma quanto basta per costringermi a passare la serata sul divano in compagnia della borsa del ghiaccio. Azzarola!  😥

18 pensieri riguardo “Porca paletta m’hanno azzoppato!

  • 1 Ottobre 2014 in 18:05
    Permalink

    E’ proprio vero che il pericolo è dietro ogni angolo! Rimettiti presto mi raccomando! 🙂

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2014 in 19:35
    Permalink

    Capodanno 2001. Spesa veloce al supermercato per il cenone, troppo veloce perché urto lo scaffale delle offerte e vengo travolto e sommerso da scatole e scatolette.
    I commessi mi soccorrono e si sincerano delle mie condizioni. Al momento i sentivo bene ma poi, tornato a casa, sono usciti i dolori.
    Un capodanno sotto tono tra ghiaccio e aspirine.

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2014 in 21:00
    Permalink

    @ mex: Eccerto!…dovrebbe bastare un po’ di riposo (spero).
    @ franco ruggeri: Ti credo che ricordi l’anno. Le ammaccature funzionano benissimo come calendario.

    Rispondi
  • 1 Ottobre 2014 in 22:36
    Permalink

    Ah cara vecchia sfiga! Non perde mai occasione di venirci a trovare.

    Rispondi
  • 2 Ottobre 2014 in 13:08
    Permalink

    Pensa se la signora ti avesse detto: – Lei ha rotto il lampadario e adesso me lo deve pagare! – :mrgreen:

    Rispondi
  • 2 Ottobre 2014 in 18:27
    Permalink

    In tema di sfiga. Da piccolo sono stato bombardato da uno stormo di gabbiani scagazzanti.
    I miei dovettero sudare per convincermi a tornare al mare.

    Rispondi
  • 2 Ottobre 2014 in 22:14
    Permalink

    @ leonardo: Già, ricordi che la sfiga si era presa una cotta per me! 😛
    @ stregamorgause: Sob! Adesso l’ho scoperto. Ciao streghetta.
    @ Sig Giovanni: Sarebbe stato il massimo!
    @ ReAnto: Modestamente….
    @ getrotal: Me li immagino arrivare come gli elicotteri nel film Apocalipse Now. Fatali!

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2014 in 20:29
    Permalink

    Sei stato sfortunato, mi dispiace. Fortunatamente l’incidente non è grave.

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2014 in 20:33
    Permalink

    Sei stato sfortunato. Mi dispiace.

    Rispondi
  • 3 Ottobre 2014 in 21:05
    Permalink

    @ legamj: Inequivocabilmente! 😉
    @ ANNA MARIA (E.M.): Non è grave ma sa seccante perchè…..
    …. @ TUTTI: avrei un weekend lungo lungo da sfruttare e spererei di non farlo da azzoppato.
    A martedì. 🙂

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2014 in 14:37
    Permalink

    Come passerai il weekend non lo so, ma se devi andare in qualche posto non portare nessuno con te per non aggravare la situazione.
    Della serie:
    “Chi va con lo zoppo impara a zoppicare”

    Rispondi
  • 4 Ottobre 2014 in 21:21
    Permalink

    Dai tutto sommato non ti è andata male, ti poteva cadere addosso lampadario con signora…e allora si che erano dolori!

    Rispondi
  • 7 Ottobre 2014 in 19:16
    Permalink

    Dicci la verità, avevi visto che il prezzo era troppo alto ed hai sacrificato il ginocchio, vecchia volpe!! 😛

    Rispondi
  • 8 Ottobre 2014 in 21:26
    Permalink

    @ il THeO: I miei compagni di viaggio sono sopravvissuti. 😉
    @ semplice: Ecco perchè si deve cercare di vedere il bicchiere mezzo pieno.
    @ Baol: Come volpe faccio schifo, il lampadario che ho preso in sostituzione non è che mi sia costato meno.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.