La cacca di Natale

caganerSe vi capitasse di passare per Barcellona, e magari fare un giro anche nel resto del territorio Catalano, in questo periodo Natalizio potreste trovare sulle bancarelle dei mercatini una singolare statuina folcloristica: il Caganer.
Nella sua forma originale questa statuina (che andrebbe inserita nel Presepe come portafortuna) rappresenta un campagnolo vestito con il tradizionale abito bianco Catalano intento a defecare. Questa immagine dovrebbe rappresentare un simbolo di buon auspicio per i raccolti (ben concimati…) dell’anno a venire ma allo stesso tempo anche un simbolo di uguaglianza tra le persone in quanto tutti (belli, brutti, ricchi e poveri), quotidianamente e non, dedichiamo parte del nostro tempo a questa “attività”.
Nel corso degli anni ha preso piede anche una logica simbologia umoristica e, come accade anche nella tradizione Napoletana, alla statuina classica si sono aggiunte nuove figure legate all’attualità. Politici, religiosi, artisti e sportivi sono stati rappresentati con le braghe calate intenti a svolgere l’attività imposta da madre natura.
Da Obama a Messi, da Papa Francesco a Marylin Monroe, dalla Regina Elisabetta a John Lennon ma anche personaggi di fantasia come i protagonisti di Star Wars o i Puffi, nessuno si è trovato escluso a priori dal veder nascere il suo clone-caganer.
E noi Italiani? Ho visto la statuina di Mario Monti e dell’immancabile Silvio Berlusconi ma per il resto, forse giustamente, i Catalani ci ignorano.
Eppure quest’anno una bella statuina ce la meriteremmo. Non legata ad una persona in particolare ma proprio come paese Italia! Un bel stivale tricolore accovacciato e giù! A purgarsi di tutte le brutture di questi tempi!
Purgarsi da chi ci ha delusi, ingannati, traditi. Purgarsi da tutti quelli che in questi anni promettevano cambiamenti e soluzioni e intanto banchettavano con la peggior feccia di questo mondo. Magari “a loro insaputa” come disse qualcuno in un passato neppure tanto lontano.
L’avvicinarsi di un nuova Natale per tanta gente sta diventando un incubo. Intorno a te cresce la pressione del consumismo che, sia chiaro, non va letto come un qualcosa di negativo in assoluto perché c’è chi vive vendendo il panettone, le decorazioni o quelle assurde mutande rosse che forse non indosserai mai.
Ma quelli che già sanno di non riuscire a far tornare i conti per fine mese guardano con un groppo alla gola quel catalogo che i loro figli “casualmente” hanno lasciato aperto sul divano. Poi con il solito guizzo d’Italica creatività probabilmente riusciranno a far saltare fuori i soldi per quel regalo che alla fine ha un solo significato: far credere ai loro piccoli che va tutto bene, che tutto è ancora normale.
Ma cosa vuol dire normale?
Basta, dovrei tornare al tema del “purgare” ma questo così facendo questo post rischierebbe di trasformarsi in un loop di retorica e dolore.
Facciano così, da oggi e fin dopo le Feste di Natale facciano partire la neve. Se il vostro browser lo supporta da qualche minuto sopra questa pagina stanno scendendo tanti piccoli candidi fiocchi di neve.
Neve virtuale, certamente. Ma con tutta la falsità che c’è da far sparire hai visto mai che sia questo il modo giusto per lavarla via? Di sicuro male non fa.
Buona vita bella gente.

10 pensieri riguardo “La cacca di Natale

  • 8 Dicembre 2014 in 17:50
    Permalink

    Un post camaleonte! Inizi con una curiosità da enciclopedia e finisci con un’amara cartolina della nostra Italia.
    Speriamo bene, non ci meritiamo tutta questa ansia per colpa dei soliti furbi.

    Risposta
  • 8 Dicembre 2014 in 20:43
    Permalink

    Tentativo n. 4! Non riesco a commentare!
    Se non va torno domani. 🙁

    Risposta
  • 8 Dicembre 2014 in 20:45
    Permalink

    Ecco. 🙂
    Qui ci vorrebbe una purga da elefanti! Altro che i piccoli e simpatici caganer! Ufffffff

    Risposta
  • 8 Dicembre 2014 in 21:32
    Permalink

    Vidi per la prima volta i caganer in occasione di una vacanza a Barcellona. Ahhh che bei ricordi! 😀
    Per quel che riguarda la tua analisi dell’Italia di oggi mi trovi in perfetta sintonia con le tue parole. Bravo.

    Risposta
  • 8 Dicembre 2014 in 21:40
    Permalink

    Ho constatato che in effetti ci sono dei problemi tecnici.
    Domani vedremo di trovare una soluzione.
    Mi scuso per eventuali problemi di visualizzazione e difficoltà a lasciare i commenti.
    Ciao

    Risposta
  • 10 Dicembre 2014 in 21:29
    Permalink

    Che sofferenza. È da ieri che tento di lasciare un commento ma il blog dava i numeri. 🙁
    Riflettevo su una cosa. Napoletani, Catalani, solo ai popoli mediterranei possono venire queste idee pittoresche per stuzzicare il presepe. 😉

    Risposta
  • 10 Dicembre 2014 in 21:49
    Permalink

    @ Sig Giovanni: Azzarola! Non potevi commentare mezzora prima?
    Mi risparmiavi del lavoro. 😉
    Dettagli nel post successivo. Ciao

    Risposta
  • 15 Dicembre 2014 in 21:53
    Permalink

    Scusa, ma devo rileggerlo con calma, per non rischiare d’interpretare il testo natalizio in modo sbagliato. Io ho attraversato un lunghissimo periodo di crisi durante il quale non riuscivo a scrivere due righe buone, ma … Adesso va meglio. Ho superato quel brutto periodo e sono riuscita a non chiudere il blog, come avrei voluto fare in quel triste periodo della mia vita.
    Tornando alla tua storia natalizia, mi spieghi che razza di statuina è quella che descrivi? E stata aggiunta al presepe dai napoletani o dai veneti. Io non la conosco e, sinceramente la metterei in un bagno, piuttosto che in un presepe, anzi , forse non allestirei nulla del genere, neppure l’albero con le palle.
    Elisa Mirabella

    Risposta
    • 15 Dicembre 2014 in 22:10
      Permalink

      È normale passare dei momenti “a vuoto” specialmente se siamo distratti da altro o sotto pressione. Poi passa.
      Le statuine (i caganer) sono Spagnoli. Le versione Napoletana è più soft, in genere un omaggio ai personaggi (sportivi, politici, artisti) più popolari dell’anno.
      Ciao. 🙂

      Risposta
  • 15 Dicembre 2014 in 22:28
    Permalink

    Ciao e grazie per la spiegazione.

    Risposta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.