Tu automobilista bue, io automobilista toro

auto e cornaPer la millesima volta mi ritrovo a dire che non amo le automobili, o meglio, non amo quei bipedi simil sapiens che ci vivono dentro. Parcheggio (regolarmente) la mia auto per una commissione ma quando ritorno sorpresa! Un ‘altra vettura se ne sta bellamente appiccicata alla mia e m’impedisce di partire. Mi guardo intorno alla ricerca del simil sapiens perché, da come ha parcheggiato, è presumibile che sia sceso solo un attimo per entrare in una delle abitazioni adiacenti, tanto più (penso) se l’intenzione fosse stata quella di lasciare li la vettura per più tempo sarebbe bastato percorrere venti (dico venti!) metri in più ed ecco che trovava diversi posti liberi tutti per lui.
Passano i minuti. Uno, due, cinque… ricevo una telefonata. Rispondo. Quando chiudo i minuti sono diventati dieci, forse quindici! Ma dove ca…spita è finito!
Che fare? Fatalità in giro non si vede l’ombra di un Vigile o di un Ausiliario del traffico, in questo momento mi andrebbe bene persino LUI ma niente, neppure un cane!
Penso di scattare qualche foto come prova del “misfatto” prima di telefonare alla Municipale e sentire cosa mi dicono quando, d’improvviso, il miracolo! Si avvicina una coppia; non sono loro ad avermi bloccato il passaggio ma la loro vettura è proprio di fronte alla mia ed una volta partiti mi lasceranno un piccolo ma prezioso varco di fuga. L’uomo mi guarda, guarda pure l’auto fetentona e gli scappa una bestemmia. Ha capito tutto.

Sono passati due giorni e chiacchierando con un conoscente ad un certo punto inizio a raccontargli della mia disavventura.
«Aspetta!» M’interrompe «Quanti anni ha la tua macchina?»
«Un anno, poco più» Rispondo.
«Male! Malissimo! Io da sempre compro solo auto usate, meglio ancora se con qualche ammaccatura, e sai perché? Così non mi faccio paranoie per graffietti e bottarelle varie, me ne frego! Sono in giro tutto il giorno per lavoro e di stronzi che se ne fregano degli altri perché “loro sono il centro del mondo e gli altri son nessuno” ne trovo di continuo!
Sai cosa faccio io quando mi trovo in situazioni come la tua? Mi appoggio e spingo! Spingo fin tanto che riesco a farmi spazio e se questo mi costa qualche graffio in più sul paraurti non m’importa.
Ricorda, se le persone guidano come fossero dei buoi tu devi guidare come un toro. Non c’è alternativa».
Per un attimo s’interrompe e ride «Guarda che ti entrano le mosche in bocca».
Eh si, mi ha lasciato a bocca aperta.

21 pensieri riguardo “Tu automobilista bue, io automobilista toro

  • 3 Giugno 2015 in 17:59
    Permalink

    Brrrr!!! IL tuo amico mi fa paura! 😀

    Rispondi
  • 3 Giugno 2015 in 18:43
    Permalink

    Non mi comporterei mai come quel tipo ma lo posso capire, eccome se lo posso capire.

    Rispondi
  • 3 Giugno 2015 in 21:56
    Permalink

    Se eri arrivato a evocare LUI, il mitico ausiliario della sosta, vuol dire che il tuo livello di esasperazione stava a mille! :mrgreen:

    Rispondi
  • 4 Giugno 2015 in 10:18
    Permalink

    Ma il bello è che adesso possiamo condividere i link anche con whatsapp! Lo faccio subito e vediamo se funziona.

    Rispondi
  • 4 Giugno 2015 in 18:22
    Permalink

    @ mex: Non è proprio un amico, comunque è una presenza “notevole” in qualche modo può far anche paura.
    @ getrotal Ahhh…tentazioni! 🙂
    @ zago: Puoi dirlo! Era una situazione decisamente stressante.
    @ dexter: Io non sarei particolarmente social ma su questo blog passa un tale (uno barbuto) che non vuol saperne di farsene uno tutto suo ma in compenso sta tutto il tempo a dirmi «e prova questo, metti quello, bla, bla, bla…) e così l’ho accontentato, pure con whatsapp che, per inciso, io non uso. 🙄

    Rispondi
    • 4 Giugno 2015 in 19:06
      Permalink

      E perché dovrei aprire un blog quanto ci sei già tu a fare un buon lavoro. Non capisco cosa hai contro whatsapp, devi essere uno dei pochi a non usarlo 🙂

      Rispondi
      • 4 Giugno 2015 in 19:27
        Permalink

        Mah!!!! Te ne stavi in agguato? 😀 non ho nulla contro whatsapp, come dicevo non sono molto social e per il momento non m’interessa. Domani, chissà.

        Rispondi
        • 5 Giugno 2015 in 13:23
          Permalink

          Avrei qualche altro suggerimento ma per il momento te lo risparmio, magari più avanti 🙂

          Rispondi
  • 4 Giugno 2015 in 22:42
    Permalink

    il tuo amico ha davvero ragione, mi piace sta cosa….ciao blu, notte notte

    Rispondi
  • 5 Giugno 2015 in 21:09
    Permalink

    Piacere di ritrovarti.
    Forse dovresti fare come me, cercare di parcheggiare lontano dalle zone a rischio. Meglio fare due passi in più ed essere sicuri di trovare l’auto libera da impedimenti. 🙂

    Rispondi
  • 6 Giugno 2015 in 18:09
    Permalink

    Ci manca tanto il mitico ausiliario della sosta, lo hai poi rivisto?

    Rispondi
  • 11 Giugno 2015 in 12:11
    Permalink

    Il tuo amico mi fa venire in mente quella scena di Pomodori verdi fritti, in cui al grido Towanda la timida cicciona distrugge l’auto che le ha rubato il parcheggio. Io ho un’auto abbastanza ammaccata e confesso che qualche volta di fare “Towanda!” mi è venuto in mente.

    Rispondi
  • 13 Giugno 2015 in 12:16
    Permalink

    Vien’ voglia di andare in giro con l’autoblindo. Non il carrarmato perché rovina il fondo stradale… Ciao caro! 😀

    Rispondi
  • 13 Giugno 2015 in 15:05
    Permalink

    Chissà perché non ci sono mai i vigili quando servono, me lo sono sempre chiesto! 🙂 La prossima volta, spingilo, tanto il paraurti al massimo si sporca un pochetto, non si ammacca se lo sai fare bene 🙂 ahahah

    Rispondi
  • 13 Giugno 2015 in 19:14
    Permalink

    Mi sono trovata un’ammaccatura sul lato destro dell’auto, nel parcheggio del supermercato, un bel danno e non so chi ringraziare. Ciao carissimo

    Rispondi
  • 16 Giugno 2015 in 21:33
    Permalink

    @ Sciarconazzi: Giusto, il fondo stradale è di tutti, va rispettato 😉 Ciao
    @ boscia.maraMaria Antonietta: L’altra auto stava di traverso alla mia, avrei spinto sulla fiancata non sul paraurti. Mannaggia! 🙄
    @ graziapavegrazia : A me capitò qualcosa di simile anni fa. Una bella botta con tanto di vernice “rivelatrice” del colpevole (un piccolo rimorchio), l’avevo visto al mio arrivo nel parcheggio ma una volta tornato alla mia auto questo se l’era svignata senza lasciare (almeno) il classico biglietto sul parabrezza.
    Elegantissi-issi-issimo.

    Rispondi
  • 4 Luglio 2015 in 11:34
    Permalink

    Non è una bella esperienza quella che hai raccontato. E’ insopportabile essere bloccati da un’automobile parcheggiata male, soprattutto se non si ha tempo da perdere.
    Ciao. Ti auguro una serena estate. Anna Maria

    Rispondi

Rispondi a ANNA MARIA Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi