SE QUESTO E’ UN UOMO – Primo Levi

Ero stato catturato dalla Milizia fascista il 13 dicembre 1943. Avevo ventiquattro anni, poco senno, nessuna esperienza, e una decisa propensione, favorita dal regime di segregazione a cui da quattro anni le leggi razziali mi avevano ridotto, a vivere in un mio mondo scarsamente reale, popolato da civili fantasmi cartesiani, da sincere amicizie maschili e da amicizie femminili esangui. Coltivavo un moderato e astratto senso di ribellione.Non mi era stato facile scegliere la via della montagna, e contribuire a mettere in piedi quanto, nella opinione mia e di altri amici di me poco più esperti, avrebbe dovuto diventare una banda partigiana affiliata a «Giustizia e Libertà». Mancavano i contatti, le armi, i quattrini e l’esperienza per procurarseli; mancavano gli uomini capaci, ed eravamo invece sommersi da un diluvio di gente squalificata, in buona e in mala fede, che arrivava lassù dalla pianura in cerca di una organizzazione inesistente, di quadri, di armi, o anche solo di protezione, di un nascondiglio, di un fuoco, di un paio di scarpe.

A quel tempo, non mi era stata ancora insegnata la dottrina che dovevo più tardi rapidamente imparare in Lager, e secondo la quale primo ufficio dell’uomo è perseguire i propri scopi con mezzi idonei, e chi sbaglia paga; per cui non posso che considerare conforme a giustizia il successivo svolgersi dei fatti. Tre centurie della Milizia, partite in piena notte per sorprendere un’altra banda, di noi ben più potente e pericolosa, annidata nella valle contigua, irruppero in una spettrale alba di neve nel nostro rifugio, e mi condussero a valle come persona sospetta.Negli interrogatori che seguirono, preferii dichiarare la mia condizione di «cittadino italiano di razza ebraica», poiché ritenevo che non sarei riuscito a giustificare altrimenti la mia presenza in quei luoghi troppo appartati anche per uno «sfollato», e stimavo (a torto, come si vide poi) che l’ammettere la mia attività politica avrebbe comportato torture e morte certa. Come ebreo venni inviato a Fessoli, presso Modena, dove un vasto campo di internamento, già destinato ai prigionieri di guerra inglesi e americani, andava raccogliendo gli appartenenti alle numerose categorie di persone non gradite al neonato governo fascista repubblicano.

Al momento del mio arrivo, e cioè alla fine del gennaio 1944, gli ebrei italiani nel campo erano centocinquanta circa, ma entro poche settimane il loro numero giunse a oltre seicento. Si trattava per lo più di intere famiglie, catturate dai fascisti o dai nazisti per loro imprudenza, o in seguito a delazione. Alcuni pochi si erano consegnati spontaneamente, o perché ridotti alla disperazione dalla vita randagia, o perché privi di mezzi, o per non separarsi da un congiunto catturato, o anche, assurdamente, per «mettersi in ordine con la legge». V’erano inoltre un centinaio di militari jugoslavi internati, e alcuni altri stranieri considerati politicamente sospetti.L’arrivo di un piccolo reparto di SS tedesche avrebbe dovuto far dubitare anche gli ottimisti; si riuscì tuttavia a interpretare variamente questa novità, senza trame la più ovvia delle conseguenze, in modo che, nonostante tutto, l’annuncio della deportazione trovò gli animi impreparati.

Il giorno 20 febbraio i tedeschi avevano ispezionato il campo con cura, avevano fatte pubbliche e vivaci rimostranze al commissario italiano per la difettosa organizzazione del servizio di cucina e per lo scarso quantitativo della legna distribuita per il riscaldamento; avevano perfino detto che presto un’infermeria avrebbe dovuto entrare in efficienza. Ma il mattino del 21 si seppe che l’indomani gli ebrei sarebbero partiti. Tutti: nessuna eccezione. Anche i bambini, anche i vecchi, anche i malati. Per dove, non si sapeva. Prepararsi per quindici giorni di viaggio. Per ognuno che fosse mancato all’appello, dieci sarebbero stati fucilati.Soltanto una minoranza di ingenui e di illusi si ostinò nella speranza: noi avevamo parlato a lungo coi profughi polacchi e croati, e sapevamo che cosa voleva dire partire.Nei riguardi dei condannati a morte, la tradizione prescrive un austero cerimoniale, atto a mettere in evidenza come ogni passione e ogni collera siano ormai spente, e come l’atto di giustizia non rappresenti che un triste dovere verso la società, tale da potere accompagnarsi a pietà verso la vittima da parte dello stesso giustiziere.

Si evita perciò al condannato ogni cura estranea, gli si concede la solitudine, e, ove lo desideri, ogni conforto spirituale, si procura insomma che egli non senta intorno a sé l’odio o l’arbitrio, ma la necessità e la giustizia, e, insieme con la punizione, il perdono.Ma a noi questo non fu concesso, perché eravamo troppi, e il tempo era poco, e poi, finalmente, di che cosa avremmo dovuto pentirci, e di che cosa venir perdonati? Il commissario italiano dispose dunque che tutti i servizi continuassero a funzionare fino all’annunzio definitivo; la cucina rimase perciò in efficienza, le corvées di pulizia lavorarono come di consueto, e perfino i maestri e i professori della piccola scuola tennero lezione a sera, come ogni giorno. Ma ai bambini quella sera non fu assegnato compito.E venne la notte, e fu una notte tale, che si conobbe che occhi umani non avrebbero dovuto assistervi e sopravvivere. Tutti sentirono questo: nessuno dei guardiani, né italiani né tedeschi, ebbe animo di venire a vedere che cosa fanno gli uomini quando sanno di dover morire.Ognuno si congedò dalla vita nel modo che più gli si addiceva. Alcuni pregarono, altri bevvero oltre misura, altri si inebriarono di nefanda ultima passione. Ma le madri vegliarono a preparare con dolce cura il cibo per il viaggio, e lavarono i bambini, e fecero i bagagli, e all’alba i fili spinati erano pieni di biancheria infantile stesa al vento ad asciugare; e non dimenticarono le fasce, e i giocattoli, e i cuscini, e le cento piccole cose che esse ben sanno, e di cui i bambini hanno in ogni caso bisogno. Non fareste anche voi altrettanto? Se dovessero uccidervi domani col vostro bambino, voi non gli dareste oggi da mangiare?


Nella baracca 6 A abitava il vecchio Gattegno, con la moglie e i molti figli e i nipoti e i generi e le nuore operose. Tutti gli uomini erano falegnami; venivano da Tripoli, attraverso molti e lunghi viaggi, e sempre avevano portati con sé gli strumenti del mestiere, e la batteria di cucina, e le fisarmoniche e il violino per suonare e ballare dopo la giornata di lavoro, perché erano gente lieta e pia. Le loro donne furono le prime fra tutte a sbrigare i preparativi per il viaggio, silenziose e rapide, affinchè avanzasse tempo per il lutto; e quando tutto fu pronto, le focacce cotte, i fagotti legati, allora si scalzarono, si sciolsero i capelli, e disposero al suolo le candele funebri, e le accesero secondo il costume dei padri, e sedettero a terra a cerchio per la lamentazione, e tutta notte pregarono e piansero. Noi sostammo numerosi davanti alla loro porta, e ci discese nell’anima, nuovo per noi, il dolore antico del popolo che non ha terra, il dolore senza speranza dell’esodo ogni secolo rinnovato…



12 pensieri riguardo “SE QUESTO E’ UN UOMO – Primo Levi

  • 7 Gennaio 2011 in 20:32
    Permalink

    Ancora una volta confesso la mia ignoranza in materia letteraria. 😥
    Queste prime righe del libro sono veramente intense, lo leggerò.

    Rispondi
  • 9 Gennaio 2011 in 17:42
    Permalink

    Lo leggi una volta e non te lo dimentichi più. 😥 Grazie Caigo

    Rispondi
  • 9 Gennaio 2011 in 19:47
    Permalink

    C’è uno stridente contrasto tra l’opulenza delle feste appena trascorse e questo richiamo antologico. E sicuramente serve per non dimenticare e per accorgerci di quanto siamo fortunati, pur in periodo di crisi.

    Rispondi
  • 9 Gennaio 2011 in 20:07
    Permalink

    @diana..non me volere..se il peggio è un campo di concentramento ..basta poco … siamo fortunati..se si parla di diritti..siamo lontani…… ciao

    Rispondi
  • 10 Gennaio 2011 in 08:22
    Permalink

    E’ stato il libro di lettura di terza media….difficile da dimenticare.

    Rispondi
  • 10 Gennaio 2011 in 20:54
    Permalink

    @ ReAnto: La storia ti segna….molto.
    @ Diana: Non era mia intenzione far pesare l’enorme distanza tra le due situazioni, la data di pubblicazione del post è casuale. in ogni caso “non dimenticare” è un impegno che dobbiamo portare avanti tutti.
    Tra qualche tempo tornerò sul tema con una storia di “vita vissuta” di uno sconosciuto, non uno diventato famoso come Levi.
    @ semplice: Fortunata. Io questo libro l’ho scoperto da adulto, nella mia scuola non davano spazio a questa letterura.

    Rispondi
  • 10 Gennaio 2011 in 23:58
    Permalink

    Mi sto mangiucchiando una pizza e piacevolmente mi sto leggendo questo testo di Primo Levi. La storia ci insegna. Ma penso che gli uomini non hanno imparato ababstanza. Ti riporto in un blog interessante, lo devi leggere per capire, che trovo intessante e non molto conosciuto. E proprio di quello che parlavo questi giorni, la descriminazione, il razzismo senza remore, la libertà e la morte di millioni di ebrei. E’ capitato e capiterá di nuovo credimi. Spero solo di essere sotto terra se potrà accadere, perchè l’unica cosa che non sopporterei, è il freddo ed il dolore fisico.Notte Blu e rinnovo gli auguri di Buon Anno Nuovo 2011.http://blog.libero.it/LALEGGE/ Interessante Blog. Come tutti quelli che scelgo di leggere io:-):evil: bacinoooooooo

    Rispondi
  • 11 Gennaio 2011 in 18:25
    Permalink

    Un po’ di sana meditazione,non guasta mai 😕 E’ che ormai viviamo tempi egoisticamente individuali 🙁
    Sei GRANDE Giorgio,complimenti 🙂 Buona serata 😀

    Rispondi
  • 11 Gennaio 2011 in 21:34
    Permalink

    @ Demetra: Queste barbarie si ripeteranno se il mondo continuerà a mostrarsi distratto. Il pericolo c’è, c’è sempre. Dobbiamo stare attenti.
    @ kinderella.lilla: Mi fai arrossire 😳 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi