Le stelle sono stanche

Dopo aver passato alcune settimane di forzato “silenzio” con il blog pensavo di trovarmi di fronte ad una qualche forma di vuoto creativo, di mancanza di temi da discutere, insomma…la sindrome della pagina bianca.
Invece mi trovo davanti al problema opposto, avrei così tante cose da dire che il cervello quasi mi frigge (più o meno…). 😉
Proviamo a pensare al periodo che stiamo passando: Agosto da sempre è un mese “strano”, amato, odiato, atteso e rimpianto. Custode degli amori eterni e complice di amori fugaci, medicina per dimenticare le tristezze dell’anno passato ma allo stesso tempo droga per nascondere le amarezze a venire.
Quest’anno poi il (mi sento buono) caos finanziario che ha travolto i mercati è stata la vera ciliegina sulla torta. Anni ed anni passati contando sulla buona stella sempre disposta a proteggere la nostra Italia ci hanno resi fragili ed incapaci di reagire alle avversità.
Fatichiamo persino ad indignarci: siamo capaci di dare degli stronzi ai calciatori che non vorrebbero contribuire alla “tassa di solidarietà” ma allo stesso tempo rinnoviamo gli abbonamenti a stadi e pay tv. Scopriamo che anche il parlamento Italiano e diviso in lobby (ma va!) come avvocati, notai, farmacisti, ecc… disposti a parlar di sacrifici purché questi non tocchino la loro categoria, noi brontoliamo un po’ ma dopo due giorni abbiano già dimenticato tutto.
Guardiamo la tv, leggiamo i giornali ed ancora una volta vediamo questi signori eletti da noi (con una formula che di democratico ha solo il nome….) litigare, offendersi, disonorare le istituzioni che rappresentano come e forse peggio di prima, alla faccia della soluzione dei problemi.
Che la nostra buona stella ci abbia abbandonato credo sia ormai una certezza, in fondo anche le stelle cadenti, strumenti di romantiche speranze, non funzionano più tanto bene come in passato; associarle alla notte di San Lorenzo ormai non ha più senso visto che, per una semplice “evoluzione astronomica”, il loro passaggio si è spostato in avanti di almeno tre giorni. Quest’anno poi oltre al sempre più diffuso inquinamento luminoso ci si è messa pure la luna piena a rischiarare le notti rendendo quasi invisibile il passaggio delle povere stelline.
Forse perché ci sentiamo tutti un po’ depressi, pur consapevoli d’aver le tasche più vuote di un anno fa, ci buttiamo a capofitto alla ricerca di pizzico di vacanza-divertimento-evasione, questo ad ogni costo ed in qualunque modo.
Vi ricordo che io abito in una località turistica e posso assicurare che da molti anni non mi capitava di vedere auto parcheggiate di fronte alla mia casa nel periodi di ferragosto, ed io non posso dire di abitare fronte mare. Ho visto camper parcheggiati due giorni a pochi metri da un depuratore, questa gente può dire di essere stata al mare? Non hanno trovato un “posto migliore” ma a questo punto forse era meglio abbandonar la simil-località-balneare-di-fortuna e parcheggiare lungo uno dei fiumi della zona: gradevoli e sicuramente più…naturali.
C’è chi ha pensato (forse) di esorcizzare il malessere del periodo recandosi al mare con una bara! Ho incrociato questo misterioso personaggio domenica 14 sulla strada che porta ad Eraclea Mare (Ve), guidava una mercedes cabrio e come “passeggera” sul sedile di destra teneva una bara (spero vuota).
Ho sentito che il personaggio sta diventando famoso nel web dopo che è stato visto in autostrada dalle parti di Vicenza. Probabilmente quando leggerete questo post il “mistero” sarà già stato chiarito. Chissà….

Aggiornamento: Mi sono state mostrate delle foto dell’auto con la bara parcheggiata nella piazza principale in quel di Fossalta di Piave (Ve).
Si narra, inoltre, che il personaggio abbia fatto un voto; passare per 100  chiese in cambio della morte di 7 politici. 😯

Aggiornamento 2: Risolto il mistero e tolto fiato alle inutili chiacchiere.
Il personaggio si chiama Ivano de Marchi  ed afferma che la Madonna di Monte Berico (Vi) gli sia apparsa in sogno dicendo che se avesse visitato 1000 chiese del Veneto avrebbe  “fatto sparire” una persona. La persona in questione sarebbe il Sindaco di Marcon (Ve) che nel 1988 aveva fatto chiudere la pista di motocross del signor Ivano. Dopo tanti anni sembra che la “ruggine” tra i due non sia scomparsa…ed ecco il risultato.
Stop, adesso non parlo più di questa cosa! 8)

17 pensieri riguardo “Le stelle sono stanche

  • 18 Agosto 2011 in 18:22
    Permalink

    Da rileggere…con calma…ciaoooooooo bentornato 🙂

    Rispondi
  • 18 Agosto 2011 in 19:47
    Permalink

    Prima di tutto ben ritrovato.
    Una storia quella del signor ivano che sembra fatta apposta per farci chiacchierare sotto gli ombrelloni.
    Più amare invece le riflessioni precedenti, siamo messi veramente male e temo che il peggio debba ancora venire.

    Rispondi
  • 18 Agosto 2011 in 21:17
    Permalink

    @ gilda: Grazie, ci leggiamo con calma appena abbiamo un po’ di più tempo. 😉
    @ leonardo: Grazie pure a te.Condivido il tuo pessimismo. Aspettiamo e speriamo di sbagliare.

    Rispondi
  • 19 Agosto 2011 in 13:12
    Permalink

    Non ho mai seguito il calcio e forse per questo i PROBLEMI di questa categoria mi sono sempre interessati poco ma adesso basta, stanno esagerando.
    Sono dei privilegiati, dovrebbero ringraziare Dio ogni giorno per la loro fortuna.
    Bambini viziati!

    Rispondi
  • 19 Agosto 2011 in 19:50
    Permalink

    Mi rendo conto che non è neppure colpa loro, vivono dentro un mondo forzatamente ovattato e solo i più “svegli” (nel senso buono del termine) comprendono come sia realmente la vita.

    Rispondi
  • 21 Agosto 2011 in 16:18
    Permalink

    Bluuuu il mio Agosto é stato soffocante, io non so quanti gradi avete in Italia, qui siamo alla soglia di 35 -38 gradi con temporali estivi e poi afa atroce come oggi, lo passata tra paure, visite, mangiare, stanchezza fisica e morale…sembra quasi che mi stia risannando, e nausee si stanno calmando, e la fame non mi manca ed é buono, ho passeggiato, ma marito non vuole che guidi troppo con la macchina, ha paura che mi possa succedere qualcosa mentre lui è lontano a lavoro, e quindi mi sto organizzando a cucinare, pensar le piante distendermi in giardino. Una terribile caldo Agosto…Rainer Lavora fino a Settembre e spero finalmente che a Settembre ho tre belle notizie..la frescura autunnale, il Mutterpass, ed il mio compleanno. Non voglio di più..le stelle li guardo sempre in cielo..Il tuo personaggio con la bara é curioso..Ed un bacino speciale. Rosa. 😉 😈 :mrgreen:

    Rispondi
  • 21 Agosto 2011 in 18:36
    Permalink

    Hei! 😈 Sei ritornato in sordina! 😉
    La notizia della bara sarebbe stata più interessante s rimaneva ferma al primo aggiornamento. Sono troppo cattiva? Dopo quello che hai scritto prima sarebbe stato il giusto finale.

    Rispondi
  • 22 Agosto 2011 in 14:00
    Permalink

    Quasi dimenticavo, bella l’immagine dell’Italia fatta di stelle!
    Dove l’hai trovata? Mi piacerebbe usarla come sfondo del computer.

    Rispondi
  • 22 Agosto 2011 in 20:15
    Permalink

    @ Demetraseele: Anche qui stiamo cuocendo…troppo per i miei gusti! 😕
    Condivido l’attesa per settembre, anche se per motivi diversi :mrgreen: stammi bene.
    @ mex: Cattiva? Noooooo… 😛
    Vista che si tratta di una mia “creazione” l’immagine la trovi per il momento solo qui.
    Scaricala pure se vuoi, però non so se sia adatta come sfondo per il pc, le stelle potrebbero disturbare la visione delle icone. Fammi sapere.

    Rispondi
  • 22 Agosto 2011 in 22:06
    Permalink

    “Non se ne esce vivi dalla vita” rubo la battuta….e la bara sta a ricordarcelo…(la vera storia è poco poetica e molto patetica) …tutti in affanno per le ferie e la crisi…che esistano buone stelle ho i miei dubbi, sicuramente sono belle e sicuramente bollenti piu’ di queste giornate….! 😉
    Buona Visione!

    Rispondi
  • 23 Agosto 2011 in 19:37
    Permalink

    Tranquillo che la “sindrome da foglio bianco” non ti verrà! Passo raramente ma sempre è sempre un piacere leggerti! A presto. 😆 😀

    Rispondi
  • 24 Agosto 2011 in 18:56
    Permalink

    …e hai messo il dito nella piaga.
    Infatti, dopo il discorso di Napolitano, tutti gli esponenti dei partiti sono D’ACCORDO IN TOTO (come avviene nei commenti dei post).

    Quanto al signore in Mercedes, ti ringrazio di avermi fornito il nome.
    Ora so con chi è fuggita mia moglie Bara 🙁

    Rispondi
  • 24 Agosto 2011 in 21:04
    Permalink

    @ semplice: L’idea della bara è geniale per l’effetto che sta avendo l’iniziativa, peccato non averla sfruttata per qualcosa di meno patetico (cito).
    @ lisa: E tra un mesetto scommetto arriverai almeno due volte al giorno a trovarmi….mistero…. 😉
    @ il THeO: Fornirti il nome era il minimo. Questo blog “si vanta” di offrire un servizo di pubblica utilità! 😛

    Rispondi
  • 25 Agosto 2011 in 16:16
    Permalink

    Non lamentiamoci per il caldo, dura poco, comunque è più fresco in Liguria che in Veneto, la sera si alza la brezza e il cielo si riempie di stelle.
    Ciao e bentornato. 😀

    Rispondi
  • 26 Agosto 2011 in 21:05
    Permalink

    Provo a godermi e vacanze ma è difficile non pensare che al ritorno troverò un sacco di problemi, Penso proprio che il nostro stellone si sia stancato di salvarci. 😐

    Rispondi
  • 28 Agosto 2011 in 21:40
    Permalink

    @ filo: Un tentativodi brezza e seere stellate ora c’è pure qui.
    Si torna alla normalità! 😀
    @ amistad:Non so se si sia stancato, di sicuro quelli stanchi siamo noi che ci sentiamo presi in giro dalla “casta”.

    Rispondi
  • 6 Settembre 2011 in 22:32
    Permalink

    Riletto con la dovuta calma,lo dovevo a questo splendido “pezzo”!
    Scrivi veramente da Dio 😀 e dovresti scrivere dei “pezzi” professionalmente
    per qualche giornale 😉
    Woooowwwwww…non ho più il coraggio di proseguire con le mie
    cavolate 😕
    Buona ninna carissimo 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi