Vita di un fagiolo (uno e due)

Alcune settimana fa mi trovai a passare (non a caso) nella zona delle Alpi Carniche e li feci tappa in quel di Villa Santina (UD) dove una locale azienda agricola tiene la propria bottega.
Come logica vuole comprai alcuni prodotti tra cui un sacchetto di fagioli pavoni.
Giunto a casa pensai: «Però! E se ne seminassi qualcuno nel mio orto per vedere l’effetto che fa?». Così, pochi giorni fa, prima di partire per la Sicilia (ne riparleremo a breve..) ne seminai una manciata ed ora, al mio ritorno, la bella sorpresa! Le piantine sono già spuntate dal terreno!
E adesso? Elementare! Visto che abbiamo iniziato questo viaggio fotografico con il fagiolo lo proseguiremo fino alla fine.
Viaggio che, se tutto va bene, terminerà in padella tra qualche mese.

fagiolo pavone 01

 

fagiolo pavone 02

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Leggi seconda parte]

17 pensieri riguardo “Vita di un fagiolo (uno e due)

  • 27 Maggio 2013 in 19:27
    Permalink

    Ti pensavamo abbattuto dalla caponata. 😀 Bentornato!
    Simpatica questa idea di seguire la vita del fagiolo, attendiamo le altre foto 😉

    Rispondi
  • 27 Maggio 2013 in 19:54
    Permalink

    Acc… ero passata darti la sveglia, credendo tu fossi ancora giù… a rincorrere more sicule! Bentornato, ma non credere di svicolare con un fagiolo 🙂
    Orco can, no te parlarè sicilian adesso…
    Aspettiamo resoconto di tutto 😉
    Smackkkkkkkkkkkkkk ciaooooo bel moro ;-))))

    Rispondi
  • 27 Maggio 2013 in 21:33
    Permalink

    @ leonardo: Sfiancato ma non abbattuto. Seguiranno altro foto, alla fine vi affezionerete così tanto a questi fagioli che m’implorerete di non mangiarli! 😛
    @ gilda: Il resoconto è in arrivo ma dovrete pazientare, voglio fare le cose per bene.
    Ci sono oltre 250 foto da filtrare, appunti e recensioni da sistemare…..
    Ciao bella! 😉

    Rispondi
  • 27 Maggio 2013 in 22:31
    Permalink

    Gnammmm!!! Lo gradirei proprio un piatto di fagioli.
    Quando si mangia? 🙂

    Rispondi
  • 27 Maggio 2013 in 22:46
    Permalink

    Bentornato Siciliano! 😛
    Mi sarei aspettato un post sui fichi d’india ed invece ci parli di fagioli.
    Ok, vediamo dove vai a parare nei prossimi giorni.

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 13:14
    Permalink

    Sono rampicanti, devi metterci dei paletti.

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 17:25
    Permalink

    @ dexter: Ma cos’è questa?Game sulla fiducia? Lasciamo che la natura faccia il suo corso con tutta calma. 😛
    @ Sig Giovanni: Era troppo scontato partire subito con l’argomento Sicilia e poi, come ho già detto, mi devo organizzare.
    @ lovecraft: Certo. Il tempo che il geometra presenti la concessione edilizia. 😉

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 17:48
    Permalink

    Bellissimo! una volta ho visto un documentario in cui si poteva ammirare la crescita della piantina del fagiolo a velocità accelerata. (però i fagioli non mi piacciono).

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 18:11
    Permalink

    @ grazia: Mi tenta l’idea del filmino super veloce ma non posso farlo nell’orto (la videocamera farebbe una brutta fine). Peccato che i fagioli non ti piacciano, vorrà dire che la tua parte (reale o virtuale) se la pappa quel goloso di dexter. 😀

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 19:48
    Permalink

    Che belli i fagioli della mia terra. Mi raccomando falli crescere bene.

    Rispondi
  • 28 Maggio 2013 in 21:24
    Permalink

    Cibo snobbato da molti per particolari effetti collaterali eppure buonissimo e nutriente. Nel minestrone è il tocco magico!

    Rispondi
  • 29 Maggio 2013 in 16:58
    Permalink

    @ mex: Ora è tutto nelle mani del meteo….
    @ Diana: Un tempo erano la carne dei poveri, ora grazie all’incontro tra vecchia e nuova cucina si stanno giustamente rivalutando.

    Rispondi
  • 29 Maggio 2013 in 19:41
    Permalink

    Affezionarmi? Chi? Io? Li voglio veder bollire!!!! Slurp! 😛

    Rispondi
  • 30 Maggio 2013 in 19:14
    Permalink

    Ed eccovi Il signor fagiolo
    Di vegetali proteine
    Fotografato e non solo
    Allieterá le vostre cucine…

    Buoni i fagioli, ma papparli dopo aver dedicato servizi fotografici nun se pò fá.

    Rispondi
  • 31 Maggio 2013 in 17:35
    Permalink

    @ leonardo: Di cognome fai “Famelico”?
    @ Skip: Sarebbe come mangiarsi la fotomodella! 😛

    Rispondi
  • 2 Giugno 2013 in 17:25
    Permalink

    Da piccolo mettevo un fagiolo nel cotone umido . Quando spuntava, era una emozione.
    Ciao Giorgio .)

    Rispondi
  • 3 Giugno 2013 in 20:59
    Permalink

    @ ReAnto: Pensata tante volte ma mai realizzato l’esperimento con il cotone.
    Ciao Re! 😀

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi