canvas pagine

Salvate la lucertola

Il mondo è naturalmente diviso in predatori e prede, amici e sconosciuti/nemici ma a volte queste regole vengono cancellate o, almeno, subiscono delle brevi interruzioni. Quando?
Quando a prevalere è l’istinto di sopravvivenza.
Due esempi: uno recentissimo.
Sto eseguendo dei campionamenti (nota: è inutile che vi sforziate nel cercare di capire quale sia il mio lavoro, tanto non ve lo dico 😛 ) che consistono nell’effettuare dei prelievi all’interno di “pozzi” chiusi da grigliati.
Mentre calo il secchio all’interno del “pozzo” noto un movimento ma è troppo veloce per capire cosa sia e poi c’è pochissima luce, forse si tratta di un semplice riflesso.
Recupero il secchio ed eccola li! Una lucertola, caduta chissà come dalla parte alta del grigliato, ha saputo cogliere l’attimo buono per balzare nel secchio ed usarlo come un improvvisato ascensore per tornare alla luce.
Immagino che la paura l’abbia paralizzata perché non si stacca dal secchio tanto che, con la mano libera, ho il tempo di estrarre il cellulare e scattarle una foto (vedi immagine di presentazione, meglio se ingrandita) . Nel frattempo mi sono allontanato di qualche passo dal grigliato e, solo allora, il piccolo rettile si lascia staccare dal secchio.
È in quel momento che mi torna in mente il secondo episodio legato all’istinto di sopravvivenza. Ricordo che ero un ragazzino e stavo passeggiando in compagnia di mio nonno quando, ad un certo punto, vediamo una lepre nuotare dentro un canaletta di cemento (quelle della bonifica). La parete è liscia e per questo motivo la lepre non è in grado di salire a riva, così mio nonno si stende a terra e protende il braccio in direzione della lepre.
Ed ecco l’incredibile! L’animale, che al nostro arrivo si era portato dall’altra lato della canaletta, inizia a nuotare verso la nostra direzione tanto che mio nonno riesce ad afferrarla per le orecchie.
È un attimo. Mio nonno ruota sul fianco e non appena la lepre sente l’erba sotto le zampe inizia a scalciare costringendolo a mollare la presa.
Con due balzi si è già allontanata di una decina metri, si volta per un momento, ci guarda e poi inizia a correre verso la campagna. Veloce come il vento.

Share

, , , , , ,

17 commenti a Salvate la lucertola

  1. Arw 5 giugno 2017 at 14:05 #

    Incredibile veramente quello che fa fare l’istinto di sopravvivenza. Bella la lucertola! 🙂

    • Caìgo 5 giugno 2017 at 23:35 #

      Bella e forzuta! Non si voleva staccare.

  2. Sig Giovanni 5 giugno 2017 at 15:20 #

    Hei! Ma io lo so che lavoro fai!! Gne gne gne! 😛 😆

    • Caìgo 5 giugno 2017 at 23:36 #

      Questo significa che ti dovrò eliminare….fisicamente. 😛

  3. zago 5 giugno 2017 at 17:55 #

    Boh! A me funziona al contrario. 🙁 Anni fa avevamo trovato un cane caduto in un pozzo. Non c’era verso di tirarlo fuori, ringhiava e cercava di morderci, alla fine sono intervenuti i vigili del fuoco per tirarlo fuori.

    • Caìgo 5 giugno 2017 at 23:38 #

      Permetti una battuta? Anch’io ringhierei e morderei se venissi tu a salvarmi! 😉

  4. Mex 5 giugno 2017 at 21:06 #

    Mica sceme le lucertole! 😀

    • Caìgo 5 giugno 2017 at 23:39 #

      …e pronte a cogliere il momento giusto….

  5. vikibaum 6 giugno 2017 at 11:29 #

    eccomi, ti ho ritrovato…lo sai che anche a me è capitata la povera lucertola finita nella antica cisterna attraverso il grigliato?anche lei è zompata nel secchio….amo le lucertole, draghi in miniatura…ciaoooo

    • Caìgo 6 giugno 2017 at 11:36 #

      La tua testimonianza confermerebbe che al bisogno le piccoline sanno trovare lo stesso tipo di soluzione. Gagliarde!

      • vikibaum 6 giugno 2017 at 11:39 #

        sì lo sono, pensa che un ramarro, bellissimo con la pancia turchina, ha convissuto con me per 15 gg…poi ha ripreso la via del terrazzo 😀

        • Caìgo 6 giugno 2017 at 11:44 #

          Sui ramarri potremmo aprire “un mondo”. Sono più evoluti (concedimi un termine magari eccessivo) delle piccole lucertole, sicuramente più intelligenti e possono vivere in simbiosi con noi umani.

  6. getrotal 6 giugno 2017 at 21:38 #

    A me rimane la curiosità sul tuo lavoro 😀

  7. franco ruggeri 8 giugno 2017 at 21:33 #

    Potevi venderti queste due storie a superquark 😉

Lascia un commento