Io, la tana e l’upupa

Ultimamente qualche blogger di mia conoscenza con l’occasione di meeting e incontri vari si sta palesando ai propri lettori. Ed io? Beh… visto che ancor oggi mi chiedono cosa sia la “tana del Caigo” ho deciso di pubblicare, vincendo la mia naturale riluttanza, un’immagine del sottoscritto immortalato nel suo habitat naturale.
Niente tette mi spiace, in questo campo non sono in grado di competere con i bei soggetti citati prima. 😉
A) Questo è il Caigo NON al massimo del suo splendore.
Il colorito pallido e l’occhio non del tutto presente sono gli effetti collaterali della presenza di un’ospite a sorpresa. Si tratta di un’upupa che da qualche settimana frequenta il mio giardino e, purtroppo, anche il mio tetto (vedi filmato a fine post). Ora finalmente ho capito perché questo uccello è in pericolo d’estinzione; non tanto a causa di mutamenti climatici, inquinamento o altro… questo pennuto è uno scassa marroni di prima categoria in grado, con il suo canto, d’irretire il più santo dei santi! Al sorgere del sole inizia a cantare (il verso è uguale alla suoneria della mia sveglia), lo cacci e lui ritorna, ritorna, ritorna….
B) Eccola “la tana”, la mansarda dove, upupa permettendo, gestisco questo blog.
C) I mie appunti. Le chiacchiere con un amico, l’articolo di un giornale, una trasmissione radiofonica, qualunque cosa possa attirare la mia curiosità finisce li, poi, magari dopo qualche settimana, diventa un post.
D) A molti dirà poco. E’ l‘IMOB, il “biglietto elettronico” per muoversi a Venezia (l’avevo appena rinnovato, per questo stava sul tavolo.
E) S’intravede il monitor del pc che sto usando.
F) Fender Jazz Bass, uno dei pezzi della mia piccola ma “succosa” collezione di strumenti musicali (ne riparleremo).
G) Un X-Worm, una misteriosa creatura che di tanto in tanto appare nel mio blog per osservare il nostro mondo.

23 thoughts on “Io, la tana e l’upupa

  • 31 Maggio 2011 in 17:31
    Permalink

    A casa mia ci sono decine di tortore che tu(r)bano dall’alba al tramonto e mi rintronano con quel loro incessante wuuh-uuh-uh! Se vuoi facciamo cambio. 🙂

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 18:04
    Permalink

    Sai, più o meno t’immaginavo proprio così.
    Bello il jazz bass, ma quanti altri strumenti hai?

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 18:36
    Permalink

    @ Ross: Grazie ma la mia quota-tortore è completa.
    Forse le “mie” sono più educate o forse mi sono abituato alla loro presenza, upupa invece è una vera macchina da guerra! 🙄
    @ leonardo: E nonostante ciò continui a leggere il blog? Masochista! 😛
    Ho diverse chitarre e bassi…ma ne riparleremo.

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 19:36
    Permalink

    La foto è piccolina non vedo i dettagli dal mio display 😥

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 20:40
    Permalink

    Anche io ti immaginavo così.. ma ti preferi sco a tette…con Ulula facciamo scambio con il mio vicino pensionato trombettaro… ( non è in via di istinzione) Ma che bel giovanotto!Sm@ck!

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 21:43
    Permalink

    Upupa, ilare uccello calunniato
    dai poeti, che roti la tua cresta
    sopra l’aereo stollo del pollaio
    e come un finto gallo giri al vento;
    nunzio primaverile, upupa, come
    per te il tempo s’arresta,
    non muore più il Febbraio,
    come tutto di fuori si protende
    al muover del tuo capo,
    aligero folletto, e tu lo ignori (Montale)

    :))

    del Caigo… avevo già un’idea…precisa….

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 21:44
    Permalink

    Toh chi si rivede!
    Non hai pensato di mettere in padella l’uccello disturbatore?

    Rispondi
  • 31 Maggio 2011 in 21:53
    Permalink

    @ Demetra: Mi fai arrossire! 😳 Comunque io mi tengo l’upupa e tu il pensionato. 😉
    @ amara: L’upupa su mio tetto sarà lieta della citazione.
    Ciao Sonia, anzi…miao! 😀
    @ Sig Giovanni: Scherzi? Se uccido qualcuno probabilmente me la cavo, se metto in padella un’upupa mi danno l’ergastolo!
    Cercherò di raggiungere un accordo con il pennuto. 8)

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 00:16
    Permalink

    Giorgio, mi spiace per te ma questo tuo palesarti sarà solo un assaggio. Sai perchè? Abbiamo intenzione di ripetere l’esperienza senza l’occasione di meeting, bensì restringendola solo a blogger affini e si dà il caso che tu faccia parte della nostra particolarissima lista 🙂 Preparati dunque ad essere travolto dalla nostra goliardia, preparati a palpeggiare gelati, guidare improbabili lambrette ed ovviamente sbottonare la camicia per la gioia delle tue lettrici. Ciao. Ross

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 01:39
    Permalink

    Vabbe io non sono nella lista è palese! certi comportamenti… meglio che non mi esprimo.. 😉 😉 :mrgreen: 😛

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 05:00
    Permalink

    Ben ritrovato dunque 🙂 Tu hai l’upupa, noi abbiamo gli scoiattoli che anche alle 2 di notte scorazzano per i tetti delle case…

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 13:19
    Permalink

    Uff!!!! Dimentico sempre che le immagini si possono aprire.
    Hei! Quando sei andato a new york ti hanno messo in mutande in aeroporto, adesso finirai in mutande tra blogger! 😛

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 20:36
    Permalink

    Azz, c’hai una cera quasi peggio della mia di ogni fine anno scolastico. Urge ad entrambi sedute elioterapiche in quel di jesolo lido. Per il resto, sì…questo inverno ho messo la testolina dentro il blog solo quando mi giravano alla grande. Ma tra un mese sarò un pò più libera, forse un pò più rilassata e forse m i tornerà la voglia, chissà…mica tutti sono dei veri blogger come te!
    Oltretutto mi dovrò leggere l’intera serie di N-Y perchè mi interessa molto.Dunque alla prossima.
    PS. davvero ora ci si deve palesare??????

    Rispondi
  • 1 Giugno 2011 in 21:22
    Permalink

    @ Ross: Poffarbacco! Visto il precedente “spumeggiante” di Viserba troveremo una località disposta ad accoglierci o ci cacceranno non appena ci vedono? 😛
    @ Demetraseele: Se le cose si mettono male conto su di per ottenere asilo in Germania. 😉
    @ camu: Gli scoiattoli sono arrivati anche da noi. Per il momento restano nella pineta ma non mi stupirei di trovarmi pure questi in giardino!
    @ mex: Ti piace infierire… Eh? 8)
    @ Diana: Ho capito. Per la mia sicurezza sarà bene che trovi un bel costume imbottito stile omino michelin .
    @ zago: Occhio Nelson!
    @ aleph: Riposo, riposo, ci serve tanto riposo!
    Buona lettura con N-Y, Mi rendo conto d’aver scritto un mezzo romanzo. 🙄
    Palesarci? Boh, si, no, forse…. son dettagli.
    Stammi bene e non stressare i pupetti con gli esami. 😀

    Rispondi
  • 2 Giugno 2011 in 00:12
    Permalink

    Allora, upupa permettendo, metto qui il mio commento dopo l’estenuante lettura delle sette puntate del tuo viaggio.
    Che dire, entusiasmante, bellissimo, grandioso, invidiabile (poi il resto degli aggettivi mettilo tu)
    Unico appunto: la descrizione che non è scorrevole come dovrebbe essere. Perciò il mio suggerimento è di ripetere il viaggio onde migliorare il racconto.
    Casomai puoi portare anche me chè, se prendo l’aire, non smetto più di scrivere.
    … e come poscritto aggiungo che al MoMA c’è anche una mia opera d’arte.

    Rispondi
  • 2 Giugno 2011 in 17:17
    Permalink

    Non è necessario, sono per la non violenza… ma preparati soprattutto “mentalmente”!

    Rispondi
  • 2 Giugno 2011 in 17:43
    Permalink

    L’upupa sta corteggiando la compagna, controlla il camino perchè forse sta facendo il nido.

    Rispondi
  • 3 Giugno 2011 in 16:41
    Permalink

    @ il THeO: Lo so…se vado per le lunghe tendo a divagare e perdere il filo. Proprio pere questo la tua offerta va presa mooolto in considerazione.
    E poi…capperi! C’è da rivedere la tua opera! 😀
    @ Diana: Quindi omino michelin mentale. 😉
    @ io ganimende: Io video è di qualche settimane fa ed effettivamente erano in due.
    Ora immagino che la femmina sia in cova ma quel fettecchione di maschio continua a cantare

    Rispondi
  • 8 Novembre 2012 in 18:19
    Permalink

    @ Jesolo hotels: Grazie! I complimenti fanno sempre piacere… lettore “sponsorizzato” 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi